martedì, Luglio 7, 2020

L’eterno ritorno dei pois dalla moda all’arte

Questa stagione li vediamo sotto vari aspetti e colori: dai macro pois di Carolina Herrera a quelli micro di Haider Ackermann e Balmain; da quelli “a pioggia” stile anni Trenta di Celine a quelli di Dries Van Noten che azzarda accostandoli a fantasie floreali.

Mutano forma, come i maxi pois floreali di Marc Jacobs; prevalgono i classici bianchi su sfondo nero e viceversa, ma ci sono anche quelli eccentrici di Erdem e di Balenciaga. Moschino li propone su abiti rossi da flamenco. La loro caratteristica comune? Il fatto di essere adatti a qualsiasi tipo di capo.

L’associazione pois e vintage ci viene spesso spontanea. Sono stati infatti gli anni Cinquanta e Sessanta il loro periodo di gloria, sia nella moda che nell’arte.

Donna con vestito a pois anni 50, davanti a un drive in
Photo: Hannah Skelly

Pois e arte

L’ amore per i pois può sfociare in una vera e propria ossessione. È il caso dell’artista giapponese Yayoi Kusama, per la quale i pois sono sempre stati espressione dei suoi viaggi mentali. Fin dagli esordi, la sua nota psicosi infatti la porta a trasformare le sue opere in veri e propri turbinii di pois. Le sue famose installazioni Dots Obsession, sono delle immersioni totali in spazi costellati di imponenti pois.

Zucche luminose: museo Yayoi Kusama
Yayoi Kusama Museum, Tokyo (Photo: Raquel Moss)

Da non dimenticare The Obliteration Room del 2002, un ambiente completamente bianco alla cui “obliterazione” tutti i visitatori della Queensland Gallery of Modern Art sono stati invitati a partecipare.

Ma è agli anni Sessanta che risale Self Obliteration (1967), un cortometraggio in cui la stessa artista intraprende un viaggio volto a riempire di pois tutto ciò che la circonda, come a voler trasformare il mondo in un vero e proprio quadro di Seurat.

Installazione artistica di Yayoi Kusama: fiore a pois
Installation by Yayoi Kusama, Los Angeles (Photo: Catalina Johnson)

Se a livello superficiale si potrebbe vedere in queste opere l’idea di voler rendere tutto più vivace e brioso, a livello inconscio, invece, l’ossessione puntiforme corrisponderebbe all’espressione dell’Eros freudiano, della sfera emozionale e della sessualità. Negli anni Sessanta infatti, più che mai, quest’ultima viene rivendicata da artisti e rockstar di ogni parte del mondo.

Pois e star system

Non a caso negli stessi anni nella moda i pois diventano anche parte dell’immaginario della cultura pop costellato da pin up, una figura nuova di donna che vuole osare e rivendicare la propria femminilità. Gonne a ruota, camicette, bikini, foulard e ombrelli. Tutto esplode di questo pattern geometrico e allegro, quasi infantile. Twiggy, Marylin Monroe, Audrey Hepburn e Brigitte Bardot contribuiscono alla sua diffusione, rendendo questa fantasia intramontabile.

Donna con vestito corto a pois blu e bianco
Photo: Kermen Tutkunova

I pois o polka dots – dal nome di una danza boema ottocentesca –  sono stati così innalzati all’Olimpo degli evergreen, che si ripresentano con una ciclicità quasi maniacale. D’altronde, che li si ami o meno, non passano mai di moda.

Copertina: Mike Von

Serena Gaudenziohttps://ulaimedia.it/
Studentessa di moda e blogger. Fai della tua vita un'opera d'arte.

Articoli Simili

Comments

Popolari

Gotico contemporaneo nella fotografia di Isotta Giulia Acquati

Dallo styling eccentrico alle pose non consuete, dai colori fortemente contrastati alle ambientazioni tenebrose, la fotografia di Isotta Giulia traccia percorsi opposti...

Intervista a Narducci per l’uscita del nuovo singolo “Millepiedi”

Fuori dal 23 giugno 2020 per Gutter, Atena Dischi e Thaurus Publishing (distr. Artist First), il nuovo singolo di Narducci, artista molisano classe 1999. Dopo il suo...

La riscoperta dei Pavesini e altri rimedi per tornare all’infanzia

La nascita del brand I Pavesini sono nati nel 1948 e sono prodotti da Pavesi. Inizialmente erano chiamati "Biscottini di...