Post Nebbia e Dutch Nazari insieme per “Televendite di Quadri”

Novità dalla scena musicale padovana.

“Televendite di quadri”

Il cantautorato rap di Dutch Nazari si unisce al pop psichedelico dei Post Nebbia, in una nuova e insolita versione di Televendite di quadri. Il singolo della band guidata dal frontman classe 1999 Carlo Corbellini, era stato pubblicato per Dischi Sotterranei / La Tempesta Dischi poco prima dell’inizio della quarantena. Si trovano dunque a collaborare due anime musicali diverse, a tratti apparentemente opposte, che ben descrivono la scena musicale padovana: sempre più ricca, complessa e ora incredibilmente unita.

Dischi SotterraneiLa Tempesta Dischi e Undamento presentano Televendite di quadri feat. Dutch Nazari in uscita in tutti gli store digitali il 22 luglio 2020

Copertina dell'album Televendite di quadri: Post Nebbia feat. Dutch Nazari

Post Nebbia

Post Nebbia è una band della nuova scena musicale padovana nata dall’immaginario psichedelico di Carlo Corbellini, classe ‘99. La band pubblica il primo lavoro autoprodotto Prima Stagione a maggio del 2018.  Un album di 7 tracce che riprende elementi della scuola psichedelica internazionale (Tame Impala, Arctic Monkeys, MGMT) e li rimescola in un sound elettronico dai ritmi più serrati. Da sfondo testi in italiano raccontano suggestioni dai toni surrealiPrima stagione è inghiottito dalla nebbia della pianura padana e dopo alcuni mesi dalla sua uscita diverse realtà della scena segnalando il progetto tra le realtà più promettenti e sottovalutate del 2019.

Con le prime date accolgono un riscontro positivo da parte di tutti gli addetti al settore. Nei primi mesi del 2020 la band viene segnalata tra le band più promettenti sia da rockit.it (CBCR) che da Rolling Stone (Classe 2020). Nella prima metà del 2020 di i Post Nebbia lanciano i primi tre singoli che anticipano l’album in uscita per Dischi Sotterranei, La Tempesta Dischi: Televendite di quadri, Vietnam Ae Persone di Vetro.

Dutch Nazari

Dutch Nazari è uno dei migliori esponenti della nuova generazione di “cantautore/rapper” che sta conquistando pian piano l’Italia

(La Repubblica)

Tra beats e poesia, impegno politico e romanticismo, Dutch Nazari è uno dei pochi artisti italiani che riesce a immergere il cantautorato nel sound contemporaneo.

Dutch Nazari, classe 1989, è nato e cresciuto a Padova. L’incontro con il poeta Alessandro Burbank con il producer Sick et Simpliciter lo portano ad avvicinarsi a sonorità elettroniche e a mescolare le metriche del rap con la cifra comunicativa dei poetry slam. Nel 2014 entra nel roster di Giada Mesi, etichetta fondata da Dargen D’Amico, con la quale pubblica 2 EP: Diecimila Lire e Fino a qui.  A marzo 2017 esce per Undamento/Giada Mesi Amore Povero il primo album ufficiale, e il 16 novembre 2018 Ce Lo Chiede L’Europa (per Undamento). Sia gli album che gli EP sono interamente prodotti da Sick et Simpliciter, che lo affianca sia in studio sia sul palco nelle performance live. Con il nuovo album Dutch Nazari si esibisce sul palco del Concerto del Primo Maggio a Roma e inizia un tour di oltre 70 date nei migliori club e festival italiani.

Dutch Nazari e Post Nebbia

 Il “Tour Euroepo in Italia” si conclude a ottobre 2019 con una grande festa, un concerto finale ai Magazzini Generali di Milano. Sempre nell’estate del 2019, prima di parcheggiare il furgone e tornare in studio per lavorare al prossimo disco, Dutch Nazari pubblica 3 nuovi brani: Di me i baristi, Bravi Tutti Cambio di stagione. Anche questa trilogia estiva è frutto della collaborazione con Sick et Simpliciter.

Ascolta “Televendite di quadri” nella nostra playlist di Spotify:

Post Nebbia: Instagram | Facebook – Dutch Nazari: Instagram | Facebook
Nicole Chioccariello
Più nouvelle vague, meno nouvelle cuisine. Vivo a Padova, dove lavoro come videomaker e content creator.

Interviste

VIDEO

Podcast

leggi anche questi

Il voguing: dal ghetto di Harlem a Madonna, oltre i falsi miti

Era il 1990 quando Madonna riscriveva la storia del pop sulle note di Vogue, rendendo eternamente iconico un fenomeno culturale dell’underground newyorkese. Il voguing,...

“Solo gli artisti sopravvivono”: Il segno della lumaca | Con Naomi Lazzari

Solo gli artisti sopravvivono è il primo podcast originale prodotto da Ulai Media e curato da Michele Eretico Lamacchia: un’idea nata per dare voce...

Codacons vs Ferragni: cronache di un paese proiettato nel passato

La Ferragni come la Madonna: «squallida provocazione» o libertà artistica? Ha fatto recentemente scalpore la denuncia molto singolare da parte del Codacons, il coordinamento delle...

Lena A. per l’uscita del nuovo singolo: «vorrei suonare e non fermarmi»

Fuori da venerdì 4 settembre 2020 per Le Siepi un nuovo capitolo per la giovanissima cantautrice classe 1996 Lena A.. Tra le dita è un primo assaggio che vede la collaborazione...

Martina Filippella, illustratrice di Freeda: «non provate a dirmi less is more»

Benvenuti nel mondo pop e coloratissimo di Martina Filippella: giovane illustratrice italiana che vanta già importanti collaborazioni con editori e riviste quali Salani, Vanity...

Troupe in trip: seguendo la troupe del film “Sacro Moderno” – Prima Parte

Lontano dai riflettori, una miriade di piccole produzioni sta cercando di ricominciare. Abbiamo deciso di dar voce a chi sta dietro la cinepresa, seguendo...

Le contraddizioni della borghesia raccontate dal rapper “1989”

Le contraddizioni del ceto medio in un flow schietto e personale: "Conosco uno, che conosce uno" è il nuovo singolo del rapper 1989.

Kevyn Aucoin: il genio del makeup che ci ha lasciati troppo presto

Nato nel giorno di San Valentino del 1962 in Louisiana, Kevyn Aucoin capì di essere gay all’età di 6 anni, cosa che lo portò...

nuove uscite