Davide Napoleone: “Povera Femmina” è il nuovo singolo del cantautore disco d’oro

Un nuovo capitolo, tutto personale, per la penna che sta dietro ad alcuni dei più importanti successi italiani.

Reduce dalla scrittura di svariati brani di successo (per Michele Bravi, Booda, Gaia Gozzi, Giorgieness, Chiara Galiazzo e altri), Davide Napoleone ci presenta ora un nuovo capitolo del suo percorso da cantautore. Da gennaio è disponibile su tutte le piattaforme di streaming Povera Femmina, produzione Tippin’ the Velvet, il suo nuovo singolo.

Preceduto dai singoli Amalfi e Porta Pacienza, Povera Femmina è il terzo capitolo della storia narrata in chiave musicale da Davide Napoleone ed incentrata sulla ricostruzione temporale della vita di Vito Manzo (Amalfi, 05/05/1919 – 4/03/1957). Vito Mazo è un personaggio realmente esistito, con cui l’artista condivide l’amore per Amalfi e la passione per la musica. Con questo terzo, importante tassello, il puzzle viene arricchito da una componente narrativa intima e preziosa scaturita dalla scoperta dell’esistenza di Lucia Manzo. È la sorella di Vito e prima figura femminile delineata e cantata dalla penna di Napoleone.

“Povera femmina” è forse il brano più delicato di questo progetto. Tra una ricerca e l’altra, immersi tra i documenti legati alla storia di Vito, ci siamo imbattuti in un certificato di morte. Era quello di Lucia Manzo, sorella di Vito. Alla voce “professione” si legge: “povera”. Ho subito immaginato un mare di notte e agitato a fare da sfondo a questa storia.

Davide Napoleone

Questa associazione immaginifica di Napoleone trova una trasposizione perfetta proprio nelle sonorità del brano – affidate ancora una volta a Paolo Caruccio (Fractae). Come per i due precedenti singoli, anche il mix e il master di Povera Femmina sono a cura di Simone Sproccati.

Chi è Davide Napoleone

Davide Napoleone è un cantautore e autore di canzoni. Fin da piccolo sviluppa un particolare interesse per la musica. Viene influenzato dai dischi di Oasis / The Verve / Blur che iniziano a circolare in casa grazie a suo fratello maggiore. Le canzoni di Davide iniziano a suscitare un interesse che lo portano a fare da spalla ad artisti come Max Gazzè, Brunori Sas, Levante, Riccardo Sinigallia per le loro date campane.

Tra il 2014 e il 2015 abbandona la musica live per dedicarsi totalmente alla scrittura, all’ascolto, alla ricerca. Nel maggio del 2016, a 23 anni, inizia a collaborare con Sony Atv sotto la guida di Paola Balestrazzi. Nello stesso anno partecipa ad un primo camp di scrittura con altri autori Sony negli studi di Ron a Garlasco. L’anno seguente esce il disco Anime di carta di Michele Bravi, che contiene un suo brano dal titolo Solo per un po’, certificato Disco d’oro.

Il 27 maggio 2017 il brano viene cantato ai TIM MTV Awards 2017 e permette a Bravi di vincere il premio Best Performance. Davide firma un contratto editoriale con Sony/ Atv ed inizia a collaborare in qualità di autore con molti altri artisti. Nel 2019 insieme a Samuel Romano (Subsonica) ed Ale Bavo entra a far parte del team di scrittura e produzione per l’inedito Elefante dei Booda. Con questo brano, si aggiudicano il secondo posto a Xfactor.

Nel 2020 dà il suo contributo al disco Nuova Genesi di Gaia Gozzi vincitrice dell’ultima edizione di Amici di Maria De Filippi, coscrivendo il brano Mi ricordo un po’ di me. Produce per Giorgieness il singolo d’esordio del suo terzo disco Maledetta. Altra collaborazione importante è quella con Valentina Parisse per i due singoli Dannata Lotta e Ogni Bene. Brani lavorati insieme ad un team d’eccezione tra cui il mix engineer statunitense Chris Lord Alge. Il 3 luglio 2020 esce il disco Bonsai di Chiara Galiazzo con la quale coscrive il brano Ci siamo persi.

davide-napoleone-povera-femmina

Ascolta Povera Femmina su Spotify.

La redazione di Ulai
Gli articoli a cura della nostra redazione.

novità

Intervista a I Segreti: pop riflessivo per raccontare una generazione

"Qualcosa da Risolvere" è il nuovo album dei Segreti per Futura Dischi: riflessivo e generazionale, definisce la maturità pop del trio e parla anche di noi.

Sem&Stènn ci portano in un paradiso synth-pop dove tutto è concesso

AGARTHI è il primo album in italiano di Sem&Stenn dove spiritualità ed eccessi si fondono, dando vita a un immaginario queer.

5 cose che hanno segnato il mio percorso artistico: la lista di Kublai

Abbiamo chiesto a Kublai di elencarci 5 cose che hanno segnato il suo percorso artistico e perché. Ha scelto per noi tre dischi, un libro e un film.

Interviste

Leggi anche

Nuove uscite