Dove nascono le idee: a casa di Dheli

Entriamo nelle case degli artisti, per scroccare un caffè e scoprire dove nascono le idee. Un racconto in foto.

Bicocca. Quel quartiere che sembra lontano da tutto e dove gli studenti si ammassano, due per ogni stanza magari, coi letti a castello ad incastrare computer e valigie, sempre in coda al Carrefour con gli studenti di cinema della Luchino Visconti e di musica del CPM. Ed è qui che Dheli, Gabriele Deliperi, si è costruito un piccolo studio, facendosi spazio e sfruttando al meglio la sua stanza singola la cui finestra dà su una Milano provinciale, che non sembra neanche Milano. Un mondo silenzioso e anonimo a cui Dheli ha voluto contrapporre City Porno, un viaggio in un quartiere a luci rosse dove l’esposizione è totale. 

dheli-suona-la-chitarra

City Porno parla di com’è sentirsi sempre in mostra, mettersi a nudo di fronte a occhi che giudicano e ai quali non si possono dare spiegazioni, massimamente rappresentato dal funzionamento algoritmico di un social come Instagram. È da questo che nasce l’immaginario del brano: la società contemporanea iperconnessa, di cui Instagram è un potente simbolo. Ci mette costantemente in vetrina, come le donne nel quartiere a luci rosse di Amsterdam, imponendoci l’accettazione di un canone di perfezione così alta, che a volte sentiamo che ci manca “un po’ di quella roba lì”. Un po’ di naturalezza con tutti i suoi difetti, perché “la roba vera è quella più importante”, dice Dheli.

City Porno continua la ricerca di Dheli all’interno del filone future vintage, l’innovativo genere musicale creato tramite “una sorta di sincretismo fra elementi sonori tipici della musica anni ’80 e le evoluzioni più recenti del panorama musicale, senza paura di spaziare (e di non lasciarsi rinchiudere) fra rap, dance, pop e rock”, qui modulato sulla base di un beat reggaeton.

dheli-oggetti-vari

Non è comunque così che ci sentiamo a casa sua, dove invece ci sembra di essere protetti e custoditi in una casa nascosta a quella Milano frenetica a cui siamo abituati, una delle tante city porno.  Qui siamo sommersi da tutti questi oggetti strani sparpagliati ovunque, un vecchio telefono a disco ancora attaccato al muro, le tazzine di caffè di quelle che potrebbe avere nella credenza anche nostra nonna, una lampada con scritte cinesi, poster di cartoni animati, vecchie console… E poi ci sono mille nuovi singoli custoditi nel computer che vengono liberati a volume altissimo, non ci sono i coinquilini, si può fare. 

Dheli è un altro degli abitanti di questo mondo nascosto di stanze e vani in cui vecchi appartamenti vengono divisi e ridivisi per ospitare studenti, gente di passaggio e musicisti ambiziosi che accumulano strumenti ed amplificatori in piccoli spazi spaccatimpani.

  • dheli-home-studio
  • vista-milano-appartamento-dheli
  • dheli-tappeto-persiano
  • dheli-telefono-vintage
  • dheli-mascherina
  • dheli-al-cellullare
  • dheli-cameretta-artista
  • dheli-starlight

Foto: Simone Pizzolati

Dheli: Facebook | Instagram | Spotify

Dheli è anche in ULAI Radar!

ULAI Radar è la playlist a cura della redazione, dedicata alle migliori uscite e artisti emergenti del 2021. Più musica sul nostro profilo Spotify: ulaimedia.

La redazione
Gli articoli a cura della nostra redazione.

Popolari

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

“io non piango mai…” è il nuovo singolo dei Vhsupernova

Atmosfere dance floor, cura delle sonorità e la voce avvolgente di Giulia: il nuovo singolo dei VHSUPERNOVA lo cantiamo già.

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

Il Geometra: la band di culto torna con un nuovo brano e si racconta

Novità dalla scena indipendente umbra: il nuovo singolo di Il Geometra tratteggia la storia di tre madri, tra il sacro e il profano.

La positiva semplicità dei videoclip indipendenti

Videoclip musicali che raccontano storie, come cortometraggi. Giacomo Coerezza ci racconta con amore la sua King's Road Film.

Da Hogwarts a Howard: sparizioni magiche di Dipartimenti “scomodi”

Nell'isteria del politically correct, l'Università di Howard (Washington) chiude ufficialmente il proprio Dipartimento di Studi classici.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

Solo gli artisti sopravvivono: nel podcast con Dresscodeguru parliamo di street art

Poster irriverenti e magliettine di carta: chi è Dresscodeguru e perchè continua a stupirci? Ce lo racconta in questo podcast.
00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).

Il nu-soul di Disarmo dà voce alle sfumature del desiderio

Mood introspettivo e melodie raffinate e coinvolgenti: l'esordio di Disarmo ha già un respiro internazionale.

Dove nascono le idee: nella sede di Ohimeme Records

Fuori Alessandra c'è Ohimeme Records: un gruppo di ragazzacci che fa musica e ci racconta qualche aneddoto.

L’illustrazione legata alla tematica animalista: il podcast con Lara Ottaviani

Illustrazione e incisione come forma d'espressione legata alla tematica animalista nel secondo episodio del podcast "Solo Gli Artisti Sopravvivono".