Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Guarda l'intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).

In questa puntata di Ulai Talks diamo spazio al punto di vista dei live club e dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività culturali e produttive causato dalla pandemia. Abbiamo parlato con Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour, live club torinese che vanta 35 anni di attività con una media di quattro concerti ogni settimana e un incredibile varietà di artisti italiani e internazionali. 

Fabrizio è una persona che parla in maniera diretta andando senza reticenze direttamente al cuore delle questioni. Fin dall’inizio di questa intervista ci tiene a ribadire le motivazioni che muovono una realtà come l’Hiroshima. La prima cosa che viene messa in discussione è l’approccio forse un po’ riduttivo che hanno avuto le istituzioni verso il mondo della musica e della cultura, che si riassume nella non felicissima frase dell’ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nel suo celebre discorso sul Decreto Rilancio: «Abbiamo un occhio di attenzione per i nostri artisti che ci fanno tanto divertire».

La frase è suonata a molti come una riduzione dell’artista a mero intrattenitore, un ruolo accessorio, la vecchia figura del giullare, sminuente e umiliante. Su questo però ci siamo anche interrogati per capire se non ci sia una nostra incapacità nel comunicare il valore del lavoro svolto dagli artisti. Abbiamo parlato di come vivere l’eccezionalità di questo anno di pandemia e di come trovare dei modi per tornare gradualmente a una normalità. Abbiamo scoperto insieme come partendo da fare il docente di critica pittorica si può arrivare a programmare un concerto degli Einstürzende Neubauten o di Vinicio Capossela con Marc Ribot e Shan MacGowan.

Guarda su YouTube la nostra intervista a Hiroshima Mon Amour di Torino: iscriviti al canale.

Leggi anche: 25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

Paolo Crivellin
Soundesigner nightswimmer. Storyteller daydreamer.

Popolari

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

“io non piango mai…” è il nuovo singolo dei Vhsupernova

Atmosfere dance floor, cura delle sonorità e la voce avvolgente di Giulia: il nuovo singolo dei VHSUPERNOVA lo cantiamo già.

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

Il Geometra: la band di culto torna con un nuovo brano e si racconta

Novità dalla scena indipendente umbra: il nuovo singolo di Il Geometra tratteggia la storia di tre madri, tra il sacro e il profano.

La positiva semplicità dei videoclip indipendenti

Videoclip musicali che raccontano storie, come cortometraggi. Giacomo Coerezza ci racconta con amore la sua King's Road Film.

Da Hogwarts a Howard: sparizioni magiche di Dipartimenti “scomodi”

Nell'isteria del politically correct, l'Università di Howard (Washington) chiude ufficialmente il proprio Dipartimento di Studi classici.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

Solo gli artisti sopravvivono: nel podcast con Dresscodeguru parliamo di street art

Poster irriverenti e magliettine di carta: chi è Dresscodeguru e perchè continua a stupirci? Ce lo racconta in questo podcast.
00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).

Il nu-soul di Disarmo dà voce alle sfumature del desiderio

Mood introspettivo e melodie raffinate e coinvolgenti: l'esordio di Disarmo ha già un respiro internazionale.

Dove nascono le idee: nella sede di Ohimeme Records

Fuori Alessandra c'è Ohimeme Records: un gruppo di ragazzacci che fa musica e ci racconta qualche aneddoto.

L’illustrazione legata alla tematica animalista: il podcast con Lara Ottaviani

Illustrazione e incisione come forma d'espressione legata alla tematica animalista nel secondo episodio del podcast "Solo Gli Artisti Sopravvivono".