L’eterno ritorno dei pois dalla moda all’arte

Sono i protagonisti della PE 20. Donano un tocco di vivacità e allegria ad ogni outfit. Per un’artista come la Kusama sono una vera e propria ossessione. Welcome back polka dots!

Questa stagione li vediamo sotto vari aspetti e colori: dai macro pois di Carolina Herrera a quelli micro di Haider Ackermann e Balmain; da quelli “a pioggia” stile anni Trenta di Celine a quelli di Dries Van Noten che azzarda accostandoli a fantasie floreali.

Mutano forma, come i maxi pois floreali di Marc Jacobs; prevalgono i classici bianchi su sfondo nero e viceversa, ma ci sono anche quelli eccentrici di Erdem e di Balenciaga. Moschino li propone su abiti rossi da flamenco. La loro caratteristica comune? Il fatto di essere adatti a qualsiasi tipo di capo.

L’associazione pois e vintage ci viene spesso spontanea. Sono stati infatti gli anni Cinquanta e Sessanta il loro periodo di gloria, sia nella moda che nell’arte.

Donna con vestito a pois anni 50, davanti a un drive in
Photo: Hannah Skelly

Pois e arte

L’ amore per i pois può sfociare in una vera e propria ossessione. È il caso dell’artista giapponese Yayoi Kusama, per la quale i pois sono sempre stati espressione dei suoi viaggi mentali. Fin dagli esordi, la sua nota psicosi infatti la porta a trasformare le sue opere in veri e propri turbinii di pois. Le sue famose installazioni Dots Obsession, sono delle immersioni totali in spazi costellati di imponenti pois.

Zucche luminose: museo Yayoi Kusama
Yayoi Kusama Museum, Tokyo (Photo: Raquel Moss)

Da non dimenticare The Obliteration Room del 2002, un ambiente completamente bianco alla cui “obliterazione” tutti i visitatori della Queensland Gallery of Modern Art sono stati invitati a partecipare.

Ma è agli anni Sessanta che risale Self Obliteration (1967), un cortometraggio in cui la stessa artista intraprende un viaggio volto a riempire di pois tutto ciò che la circonda, come a voler trasformare il mondo in un vero e proprio quadro di Seurat.

Installazione artistica di Yayoi Kusama: fiore a pois
Installation by Yayoi Kusama, Los Angeles (Photo: Catalina Johnson)

Se a livello superficiale si potrebbe vedere in queste opere l’idea di voler rendere tutto più vivace e brioso, a livello inconscio, invece, l’ossessione puntiforme corrisponderebbe all’espressione dell’Eros freudiano, della sfera emozionale e della sessualità. Negli anni Sessanta infatti, più che mai, quest’ultima viene rivendicata da artisti e rockstar di ogni parte del mondo.

Star system

Non a caso negli stessi anni nella moda i pois diventano anche parte dell’immaginario della cultura pop costellato da pin up, una figura nuova di donna che vuole osare e rivendicare la propria femminilità. Gonne a ruota, camicette, bikini, foulard e ombrelli. Tutto esplode di questo pattern geometrico e allegro, quasi infantile. Twiggy, Marylin Monroe, Audrey Hepburn e Brigitte Bardot contribuiscono alla sua diffusione, rendendo questa fantasia intramontabile.

Donna con vestito corto a pois blu e bianco
Photo: Kermen Tutkunova

I pois o polka dots – dal nome di una danza boema ottocentesca –  sono stati così innalzati all’Olimpo degli evergreen, che si ripresentano con una ciclicità quasi maniacale. D’altronde, che li si ami o meno, non passano mai di moda.

Copertina: Mike Von

Serena Gaudenziohttps://ulaimedia.it/
Studentessa di moda e blogger. Fai della tua vita un'opera d'arte.

Popolari

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

15 brani consigliati da 15 artisti per la Giornata Mondiale del Vento

Da consumarsi preferibilmente cantando a squarciagola in macchina.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Solo gli artisti sopravvivono: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Walkman #4 – My Girl Is Retro

In uscita con il nuovo singolo "Corallo", My Girl Is Retro compone per noi una playlist avvolgente e riflessiva, come la sua musica.

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

La filosofia del ramo: l’arte di Iside Calcagnile in un nuovo podcast

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.