Solo gli artisti sopravvivono – Il segno della lumaca con Naomi Lazzari

Solo gli artisti sopravvivono – Il segno della lumaca con Naomi Lazzari

Burattini, marionette e scenografie. L'arte di creare arte per la comunità e per il benessere. Un podcast con Naomi Lazzari, a cura di Michele Eretico Lamacchia.

Solo gli artisti sopravvivono è il primo podcast originale prodotto da Ulai Media e curato da Michele Eretico Lamacchia: un’idea nata per dare voce alle storie individuali e alle difficoltà comuni che caratterizzano il nebuloso e affascinante mondo del “fare arte” e del “vivere d’arte”. 

Per questo primo episodio abbiamo intervistato Naomi Lazzari, artista bolognese classe 1993. Naomi ci ha raccontato l’anima della sua professione, fatta di burattini, marionette e scenografie, in bilico tra le atmosfere bizzarre del teatro di figura e le strategie più terrene per vivere d’arte.  

Chi è Naomi Lazzari

Naomi Lazzari è un’illustratrice, scenografa e teatro-terapeuta. Si laurea all’Accademia di Belle Arti Bologna in scenografia teatrale, dove inizia a sviluppare la passione per il mondo del teatro. In particolare si avvicina allo studio della maschera, del teatro di figura e dell’illustrazione. 

Da settembre del 2016 fa parte della compagnia teatrale La Valigia di Cartone, producendo numerosi spettacoli in veste da scenografa, mascheraia, attrice e arte-erapeuta. Nel 2019 vince il premio come miglior spettacolo al Festival TheatreABILITY presso il teatro Guanella di Roma con S-Confini, coinvolgendo gli utenti del centro salute mentale di Cisterna di Latina.

A luglio 2020 ottiene la laurea di specializzazione in Comunicazione e didattica dell’arte indirizzo Arte per la terapia all’Accademia di Belle Arti di Roma. Grazie a questa esperienza si avvicina sempre di più a una idea di arte comunitaria, sviluppando un approccio artistico che coinvolge e impegna la comunità in diversi contesti sociali. 

Lavora per diversi contesti teatrali, tra cui il teatro comunale di Bologna e la Fraternal Compagnia. Attualmente collabora con l’associazione Senza il banco di Bologna, all’interno di uno spazio d’arte chiamato La bottega della lumaca.

Ascolta su Spotify | Apple Podcast | Google Podcast | Spreaker

naomi-lazzari-scenografa
Source: Instagram @naomilazzari
Source: Instagram @naomilazzari

I 10 migliori film del 2021

Da Sorrentino a Vinterberg, da Woody Allen a Jane Campion: i 10 migliori film del 2021 secondo la redazione di Ulai. Tutto il resto è noia.

L’erotismo irriverente nella fotografia di Emanuele Ferrari

Emanuele Ferrari fa parte della top 100 dei fotografi internazionali più influenti sul web...

Takeaway, quattro chiacchiere sul nuovo film di Renzo Carbonera

Con il film Takeaway, Renzo Carbonera porta al cinema una lucida riflessione sullo sport e sui compromessi per vincere.

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

Leggi anche

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

Walkman – Scelti da Lena A.

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Oggi con la giovane cantautrice Lena A.

Solo gli artisti sopravvivono – Ascolta il podcast con Camilla Cattabriga

Dai ritratti all'amica Matilda De Angelis all'amore per la fotografia analogica, Camilla Cattabriga si racconta in un nuovo toccante podcast.

Arte emergente: per Alice e Ahad nulla è più ricco della polvere

Alice Mestriner e Ahad Moslemi si interrogano sui concetti di tempo, identità e linguaggio, tra installazione, performance e arte concettuale.

“Venere in pelliccia”: un viaggio introspettivo nel sadomasochismo

Non solo "50 Sfumature di Grigio": un esempio di maestria registica i cui cardini girano attorno alla vendetta femminile e al rovesciamento dei ruoli, conditi dalla frizzante ironia tipicamente polanskiana.