Solo gli artisti sopravvivono – Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

Solo gli artisti sopravvivono – Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La fotografia non è solo mimesi. Non è solo oggetto, teorico o materiale. La fotografia è un atto pragmatico, un azione che ferma il tempo. In questa puntata l’artista visiva Beatrice Migliorati ci parla dell’atto fotografico e del suo carattere performativo.

Beatrice Migliorati è un’artista visiva bresciana classe 1996. Laureata in filosofia, studia e lavora a Bologna. La sua ricerca, radicata nel contemporaneo, indaga, attraverso il linguaggio fotografico e la parola, il punto limite tra solitudine individuale e collettività, tra l’essere gettato nel mondo e l’esser-ci (e con-esserci). Lo strumento fotografico assume in questa prospettiva un carattere performativo, volto a radicare l’artista nel mondo e ad intensificare la relazione con l’altro. La poetica del suo lavoro tende alla quotidianità, a gestualità che non sono metafore e a spazi che non sono contenitori sterili. 

Per il podcast Solo gli artisti sopravvivono, Michele Eretico Lamacchia indaga con Beatrice il significato più profondo della fotografia: la fotografia come processo creativo che supera l’idea diffusa di fotografia in quanto oggetto, merce fine sé stessa. Fotografare è un atto d’amore e come atto d’amore non può che modificare il prima e il dopo, lo spazio, il soggetto. Ripercorrendo alcuni progetti fotografici, Beatrice Migliorati ci parla del suo personale modo di intendere l’arte e l’essere artista.

Ascolta su Spotify | Apple Podcast | Google Podcast | Spreaker

Il podcast Solo gli artisti sopravvivono

Solo gli artisti sopravvivono è il primo podcast originale prodotto da Ulai Media e curato da Michele Eretico Lamacchia: un’idea nata per dare voce alle storie individuali e alle paure collettive che caratterizzano il nebuloso e affascinante mondo del “fare arte” e del “vivere d’arte”. 

Partendo dal territorio bolognese, intervisteremo giovani artisti e addetti ai lavori. Metteremo in luce le mille sfaccettature di un universo fatto di slancio e dedizione, conquiste e paure, in marcia verso il proprio riconoscimento sociale.

Ascolta tutti gli episodi su Spotify | Apple Podcast | Google Podcast | Spreaker 

Articoli Recenti

Altre Storie

Rise Above Dead: “I nostri pezzi sono il frutto di lunghe e fumose serate in sala prove”

Dopo lo stop obbligato degli scorsi mesi, Tutto Il Nostro Sangue, riparte e inaugura la sua quarta stagione sabato...

“L’ultima canzone dell’umanità” secondo Moderno

Il racconto di un'epifania in attesa dell'album "Storia di un occidentale".

Vespro: «sono uno stronzo vestito da bravo ragazzo, vestito da stronzo»

Fuori per Kumomi, la nuova realtà urban milanese, il nuovo singolo del cantautore napoletano classe 1996 Vespro, dal titolo "Agave".

Il mondo di Elena Maggiulli tra fotografia di moda e ritratti

Gli scatti di questa giovane fotografa romana colpiscono lo spettatore per la loro eleganza e intensità.