Solo gli artisti sopravvivono – La street art di Dresscodeguru

Poster irriverenti e magliettine di carta: chi è Dresscodeguru e perchè continua a stupirci?

«Sono uno street artist bolognese, uso esclusivamente poster di carta. Fotografo, creo, copio, sovrappongo, mixando opportunamente immagini, parole, colori, oggetti del quotidiano, temi prevalentemente pop, per un’educazione estetica direttamente in strada. Mi avvicino al mondo dell’arte da outsider, senza una canonica preparazione alle spalle: seguo il flusso dei miei pensieri, lascio infrangere i miei schemi. 

Ascolta anche: “Solo gli artisti sopravvivono”: il segno della lumaca con Naomi Lazzari

I primi paste-up nascono dall’idea di trasformare le t-shirt in poster di carta, affisse anche sui muri, dove continuano a trasmettere messaggi come se fossero indossate, in una fittizia collezione di abbigliamento. Attraverso il collage, manuale o digitale, cerco rappresentare il mondo e Bologna, in special modo tramite i suoi simboli, come ad esempio la statua del Nettuno, Al Zigànt in dialetto bolognese, che rielaboro sempre a partire dalla stessa posa ma che ripropongo cangiante, con l’obiettivo di farne l’icona pop di un posto immaginario chiamato Nettunoland.»

nettuno-dresscodeguru-bologna

Ascolta l’episodio con Dresscodeguru

Le città sono come un museo a cielo aperto. E a Bologna può capitare di trovare su un muro una piccola maglietta di carta, magari con il bel faccione del Nettuno sopra. Se vi capita sappiate che quella maglietta l’ha attaccata Dresscodeguru. In questo episodio ci racconta la sua storia.

Il podcast Solo gli artisti sopravvivono

Solo gli artisti sopravvivono è il primo podcast originale prodotto da Ulai Media e curato da Michele Eretico Lamacchia: un’idea nata per dare voce alle storie individuali e alle paure collettive che caratterizzano il nebuloso e affascinante mondo del “fare arte” e del “vivere d’arte”. 

Partendo dal territorio bolognese, intervisteremo giovani artisti e addetti ai lavori. Metteremo in luce le mille sfaccettature di un universo fatto di slancio e dedizione, conquiste e paure, in marcia verso il proprio riconoscimento sociale.

Ascolta tutti gli episodi su Spotify | Apple Podcast | Google Podcast | Spreaker 

Popolari

Solo gli artisti sopravvivono – Ascolta il podcast con Camilla Cattabriga

Dai ritratti all'amica Matilda De Angelis all'amore per la fotografia analogica, Camilla Cattabriga si racconta in un nuovo toccante podcast.

Solo gli artisti sopravvivono – La filosofia del ramo con Iside Calcagnile

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

recenti

La bellezza eterea negli scatti di Giada Ramera

Fotografa italiana con un passato da pittrice, Giada Ramera riesce a raccontare in ogni scatto il proprio ideale di bellezza femminile.

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

L’esordio esplosivo di Tanca e la sua crew in “Words of Dogtwon”

L'amore per lo skate, il collettivo Klen Sheet e un disco rap dall'attitudine punk. Quello di Tanca è un esordio col botto.

altro di ulai

Storie dalla quarantena: “Living in quarantine” di Federica Cocciro

L’incredulità della reclusione attraverso gli occhi di una fotografa milanese.
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

Ulai Talks: video-intervista ai Joe D. Palma

Ulai Talks è la nuova rubrica di Ulai che racconta il nostro presente attraverso...

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Davide Degano: fotografare il locale che sopravvive alla globalizzazione

Storie personali e collettive, oltre la superficie del fotogiornalismo.