5 film distopici che non puoi non aver visto

Atmosfere tetre e piovose. Metropoli soffocanti e cloni umani. Cosa contraddistingue un genere cinematografico non classico, ma che sta spopolando negli ultimi anni?

Chiunque abbia visto anche solo un film della trilogia di Hunger Games, o letto libri come 1984 di George Orwell, conoscerà bene il genere distopico.

La distopia è espressione dei nostri incubi più cupi. Rappresenta una realtà altamente negativa, spesso futura e postapocalittica, in cui la società, per come la intendiamo ora, risulta collassata. Il contrario dell’utopia dunque, una realtà invece apparentemente perfetta, senza guerre né disuguaglianze, modello ideale e irraggiungibile di ogni società.

Ecco una lista dei migliori film distopici che, se interessati al tema, non potete non aver visto.

#1 Metropolis (Fritz Lang, 1927)

Capostipite film distopici: Metropolis
Metropolis (1927) dir. Fritz Lang

Se apprezzate i film muti, vi consigliamo Metropolis di Fritz Lang. Considerata il capostipite del genere distopico e di fantascienza, quest’opera è un’efficace rappresentazione di una lotta di classe, fra borghesia imprenditoriale e proletariato, nella quale spicca la figura di un giovane ricco che si innamora di una insegnante e profeta di nome Maria.

#2 Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Capolavoro film distopici: Blade Runner
Blade Runner (1982) dir. Ridley Scott

«Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi… ». Alzi la mano chi non l’ha mai sentita.

Sempre attorno al 2020 è ambientato Blade Runner, sci-fi movie ricco di effetti speciali e aggiornamento di Metropolis. Rimasto impresso nell’immaginario collettivo per l’uso smodato di neon colorati all’interno di un’atmosfera oscura e piovosa, a questo film si deve il merito di aver inventato la parola “replicante” per indicare un essere robotico, esteticamente uguale ad umano, ma con capacità intellettuali e forza fisica superiore. Il cacciatore di taglie, Rick, compie una travagliata azione di inseguimento di quattro di questi automi in fuga dalla loro condizione di schiavi a cui la società li ha costretti.

#3 The road (John Hillcoat, 2009)

Film distopici da vedere: The Road
The Road (2009) dir. Hillcoat

In The Road, con Viggo Mortensen, viene presentato uno scenario postapocalittico, nel quale un uomo e un bambino viaggiano con il loro carrello verso sud, in cerca di salvezza. Tutto è grigio e desolato e i pochi sopravvissuti sono cannibali e criminali. Cosa permetterà loro di proseguire e non soccombere? L’amore che li lega e il ricordo di un passato felice. Preparatevi a scene piuttosto crude e strazianti.   

#4 Non lasciarmi (Mark Romanek, 2010)

Film distopici da vedere: Non lasciarmi
Non lasciarmi (2010) dir. Romanek

In Non lasciarmi l’umanità è così crudele da creare dei cloni con il solo scopo di renderli donatori di organi. Kathy, Tommy e Ruth non hanno genitori, ma non sono neppure orfani. Crescono insieme ponendosi continuamente domande sulla loro esistenza. Che senso può avere una vita così? Il senso che anche la maggior parte di noi dà alla sua: l’amore. In fondo, questi cloni, non sono così distanti da noi umani.

#5 The Lobster (Yorgos Lanthimos, 2015)

Film distopici da vedere: The Lobster
The Lobster (2015) dir. Lanthimos

Tra i film distopici più conturbanti di sempre una posizione la detiene sicuramente The Lobster. In un futuro grottesco e inverosimile, l’essere single dopo una certa età diventa una condanna punibile con la deportazione in un hotel dove si deve trovare un compagno entro 45 giorni. Altrimenti si viene trasformati in un animale. David, alias Colin Farrell, ha già deciso l’animale in cui verrà trasformato se non sarà fortunato. Metafora della nostra realtà? Beh, la costante paura di rimanere soli che contraddistingue i nostri tempi, ci porta spesso ad avere relazioni di convenienza.

Buone notizie anche per i lettori: tutti i film distopici che vi abbiamo consigliato in questo articolo, eccetto The Lobster, sono basati su romanzi.

Nerd felice

Serena Gaudenziohttps://ulaimedia.it/
Studentessa di moda e blogger. Fai della tua vita un'opera d'arte.

Popolari

Troupe in trip: seguendo la troupe del film “Sacro Moderno” – Prima Parte

Lontano dai riflettori, una miriade di piccole produzioni sta cercando di ricominciare. Abbiamo deciso...

La positiva semplicità dei videoclip indipendenti

Videoclip musicali che raccontano storie, come cortometraggi. Giacomo Coerezza ci racconta con amore la sua King's Road Film.

L’incubo dell’isolamento sociale nella serie cult “The Prisoner”

Con sguardo straordinariamente proiettato al nostro presente, The Prisoner anticipa la deriva tecnocratica delle società moderne, identificandosi quale imperdibile cult seriale un ventennio prima di Twin Peaks.

recenti

“Il nome della rosa” e il Postmoderno: ma ne siamo davvero usciti?

Il romanzo di Eco è un capolavoro della contemporaneità e ce ne disvela il carattere ibrido, labirintico, citazionista e senza centro.

Il disco d’esordio di Vipera è pura poesia

Dal roster di Dischi Sotterranei una nuova proposta tanto indecifrabile quanto ammaliante: "Tentativo di Volo" è l'ep d'esordio di Vipera.

Dove nascono le idee – A casa di Henna

Per la rubrica "Dove nascono le idee" siamo stati a Milano, zona Porta Venezia, a casa della cantautrice italiana Henna.

altro di ulai

Cosa ci ha insegnato L’Ultimo Concerto? sul valore dei live club

Dalla provocazione de L'Ultimo Concerto all'esibizione dello Stato Sociale a Sanremo: il faticoso cammino di un settore alla ricerca di un riconoscimento culturale che non arriva.

I Giocattoli presentano Teletrasporto (e sembra il singolo perfetto per questo 2020)

Fuori per Giungla Dischi il nuovo singolo dei Giocattoli, band di Palermo che ha segnato la scena it-pop con il singolo Bill Murray. In autunno il nuovo album.

Martina Filippella, illustratrice di Freeda: «non provate a dirmi less is more»

Come combattere i puristi delle linee dritte e il minimalismo barboso a suon di illustrazioni pop.

“Solo gli artisti sopravvivono”: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

Dove nascono le idee – Nella sede di Ohimeme Records

Fuori Alessandra c'è Ohimeme Records: un gruppo di ragazzacci che fa musica e ci racconta qualche aneddoto.