5 film distopici che non puoi non aver visto

Atmosfere tetre e piovose. Metropoli soffocanti e cloni umani. Cosa contraddistingue un genere cinematografico non classico, ma che sta spopolando negli ultimi anni?

Chiunque abbia visto anche solo un film della trilogia di Hunger Games, o letto libri come 1984 di George Orwell, conoscerà bene il genere distopico.

La distopia è espressione dei nostri incubi più cupi. Rappresenta una realtà altamente negativa, spesso futura e postapocalittica, in cui la società, per come la intendiamo ora, risulta collassata. Il contrario dell’utopia dunque, una realtà invece apparentemente perfetta, senza guerre né disuguaglianze, modello ideale e irraggiungibile di ogni società.

Ecco una lista dei migliori film distopici che, se interessati al tema, non potete non aver visto.

#1 Metropolis (Fritz Lang, 1927)

Capostipite film distopici: Metropolis
Metropolis (1927) dir. Fritz Lang

Se apprezzate i film muti, vi consigliamo Metropolis di Fritz Lang. Considerata il capostipite del genere distopico e di fantascienza, quest’opera è un’efficace rappresentazione di una lotta di classe, fra borghesia imprenditoriale e proletariato, nella quale spicca la figura di un giovane ricco che si innamora di una insegnante e profeta di nome Maria.

#2 Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Capolavoro film distopici: Blade Runner
Blade Runner (1982) dir. Ridley Scott

«Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi… ». Alzi la mano chi non l’ha mai sentita.

Sempre attorno al 2020 è ambientato Blade Runner, sci-fi movie ricco di effetti speciali e aggiornamento di Metropolis. Rimasto impresso nell’immaginario collettivo per l’uso smodato di neon colorati all’interno di un’atmosfera oscura e piovosa, a questo film si deve il merito di aver inventato la parola “replicante” per indicare un essere robotico, esteticamente uguale ad umano, ma con capacità intellettuali e forza fisica superiore. Il cacciatore di taglie, Rick, compie una travagliata azione di inseguimento di quattro di questi automi in fuga dalla loro condizione di schiavi a cui la società li ha costretti.

#3 The road (John Hillcoat, 2009)

Film distopici da vedere: The Road
The Road (2009) dir. Hillcoat

In The Road, con Viggo Mortensen, viene presentato uno scenario postapocalittico, nel quale un uomo e un bambino viaggiano con il loro carrello verso sud, in cerca di salvezza. Tutto è grigio e desolato e i pochi sopravvissuti sono cannibali e criminali. Cosa permetterà loro di proseguire e non soccombere? L’amore che li lega e il ricordo di un passato felice. Preparatevi a scene piuttosto crude e strazianti.   

#4 Non lasciarmi (Mark Romanek, 2010)

Film distopici da vedere: Non lasciarmi
Non lasciarmi (2010) dir. Romanek

In Non lasciarmi l’umanità è così crudele da creare dei cloni con il solo scopo di renderli donatori di organi. Kathy, Tommy e Ruth non hanno genitori, ma non sono neppure orfani. Crescono insieme ponendosi continuamente domande sulla loro esistenza. Che senso può avere una vita così? Il senso che anche la maggior parte di noi dà alla sua: l’amore. In fondo, questi cloni, non sono così distanti da noi umani.

#5 The Lobster (Yorgos Lanthimos, 2015)

Film distopici da vedere: The Lobster
The Lobster (2015) dir. Lanthimos

Tra i film distopici più conturbanti di sempre una posizione la detiene sicuramente The Lobster. In un futuro grottesco e inverosimile, l’essere single dopo una certa età diventa una condanna punibile con la deportazione in un hotel dove si deve trovare un compagno entro 45 giorni. Altrimenti si viene trasformati in un animale. David, alias Colin Farrell, ha già deciso l’animale in cui verrà trasformato se non sarà fortunato. Metafora della nostra realtà? Beh, la costante paura di rimanere soli che contraddistingue i nostri tempi, ci porta spesso ad avere relazioni di convenienza.

Buone notizie anche per i lettori: tutti i film distopici che vi abbiamo consigliato in questo articolo, eccetto The Lobster, sono basati su romanzi.

Nerd felice

Serena Gaudenziohttps://ulaimedia.it/
Studentessa di moda e blogger. Fai della tua vita un'opera d'arte.

Popolari

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

15 brani consigliati da 15 artisti per la Giornata Mondiale del Vento

Da consumarsi preferibilmente cantando a squarciagola in macchina.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Solo gli artisti sopravvivono: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Walkman #4 – My Girl Is Retro

In uscita con il nuovo singolo "Corallo", My Girl Is Retro compone per noi una playlist avvolgente e riflessiva, come la sua musica.

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

La filosofia del ramo: l’arte di Iside Calcagnile in un nuovo podcast

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.