I fantasmi di Spike Jonze, La(Horde) e Rone nel corto “Ghosts”

I fantasmi di Spike Jonze, La(Horde) e Rone nel corto “Ghosts”

Un progetto multidisciplinare in cui musica e danza si fondono, ambientato al Museo di Palais Lonchamp di Marsiglia.

Un progetto multidisciplinare in cui musica e danza si fondono, ambientato al Museo di Palais Lonchamp di Marsiglia.

Un museo dalle atmosfere oniriche, corpi che danzano, la musica che accompagna come un’ombra l’energia cinetica, contenuta e crescente: sono questi gli ingredienti di Ghosts, corto diretto da (LA)HORDE su sceneggiatura di Spike Jonze.

L’interessante cortometraggio vede incontrarsi una coalizione di artisti all’apice dei rispettivi ambiti. La sceneggiatura è di Spike Jonze, voce vitale e innovativa della cultura statunitense fin dagli anni ’90. Lo ricordiamo in quanto iconico regista di videoclip e film di culto tra cui Essere John Malkovich e Lei, con cui si è aggiudicato l’Oscar per la miglior sceneggiatura originale. 

La direzione del corto Ghosts arriva invece dal pionieristico collettivo di danza (LA)HORDE, con la performance dei ballerini del Balletto Nazionale di Marsiglia. La colonna sonora è infine firmata infatti dall’acclamato compositore e produttore francese Rone.

Ambientata e girata al Museo di Belle Arti del Palais Lonchamp a Marsiglia, la sceneggiatura di Jonze segue un’unica protagonista mentre incontra un cast di personaggi apparentemente invisibili, tutti intrappolati all’interno del grande edificio deserto. Muovendosi – dapprima esitante – nello spazio, la protagonista passa dalla solitudine e dalla fisicità minacciosa a stati di estasi e intimità. Il film si conclude quando la guardia notturna esce dal museo all’alba, indemoniata, svelando all’improvviso la separazione tra fantasia e realtà.

Forse in modo non convenzionale, la coreografia di (LA)HORDE non è stata creata per adattarsi a nessuna colonna sonora, mentre la musica di Rone è stata composta appositamente per accompagnare il filmato.  La colonna sonora sembra essere emanata direttamente dai corpi dei ballerini, attraverso un crescendo di energia che si chiude in un picco finale esaltante. Organici e tattili, i suoni diventano arti invisibili che pettinano l’aria vuota. 

Ghosts (2022), fotogramma dal film

Guarda il corto Ghosts su YouTube

Rone

Rone è uno dei principali artisti della scena elettronica francese e internazionale, protagonista sia come dj e performer in consolle che come producer e compositore in studio. Al secolo Erwan Castex, il suo ultimo progetto discografico è Les Olympiades: la colonna sonora composta per l’omonimo film di Jacques Audiard uscita a gennaio per InFiné. È in nomination ai Premi César 2022 come “Migliore colonna sonora”, premio già conquistato l’anno scorso con il film Night Ride.

Ha dimostrato da sempre un’eclettica capacità di coniugare la sua musica con altre forme d’arte come la letteratura, con Alain Damasio; la fotografia, con Stéphane Couturier; e la danza contemporanea con il collettivo (La)Horde.

Per il cinema, ha composto le colonne sonore di Vladimir Mavounia-Kouka per il film d’animazione La Femme à cordes (2010), La Bête (2014) e I Want Pluto to be a planet again (2016). Nel 2015 è stato il primo musicista a pubblicare un videoclip in VR per il suo brano Quitter la ville. Nel 2020 ha composto la colonna sonora di La Nuit Venue (Night Ride) di Frédéric Farrucci.

Leggi anche: La positiva semplicità dei videoclip indipendenti

Spike Jonze

Regista e sceneggiatore, Spike Jonze è voce vitale e innovativa della cultura statunitense fin dagli anni 90. Firma video musicali iconici per artisti quali Beastie Boys e Björk, e raggiunge il grande pubblico con il film cult Essere John Malkovich (1999) e Lei (2013, titolo originale Her), con cui si aggiudica il premio Oscar per la miglior sceneggiatura originale. Da allora Jonze continua a diffondere il suo talento impegnandosi su vari progetti: teatro, spot pubblicitari, video musicali.

(LA)HORDE 

(LA)HORDE è un collettivo di danza fondato nel 2013 dai tre artisti: Marine Brutti, Jonathan Debrouwer e Arthur Harel. Insieme mettono in discussione i codici di varie discipline artistiche, concentrandosi in particolare sull’arte contemporanea dal vivo e le arti performative. A capo del Balletto Nazionale di Marsiglia da settembre 2019, hanno creato opere coreografiche, film, installazioni video e performance che si evolvono sempre attorno al corpo in movimento. Dall’interazione e dalla giustapposizione dei diversi media, si sviluppano scenari e azioni che riprendono temi e interrogativi radicalmente contemporanei.

ghosts-corto-museo-marsiglia
Ghosts (2022), fotogramma dal film

Articoli Recenti

Altre Storie

Carmine Tundo (La Municipàl) torna con il progetto “Diego Rivera”

Suoni mediterranei e influenze del Sudamerica: il nuovo progetto artistico del cantautore Carmine Tundo.

Riconoscere la bellezza e fissarla nel tempo: la fotografia di Paola Valli

Fotografie spontanee e intense che esaltano la bellezza femminile collocandola in atmosfere tra il fiabesco e il familiare.

Sem&Stènn ci portano in un paradiso synth-pop dove tutto è concesso

AGARTHI è il primo album in italiano di Sem&Stenn dove spiritualità ed eccessi si fondono, dando vita a un immaginario queer.

Vespro: «sono uno stronzo vestito da bravo ragazzo, vestito da stronzo»

Fuori per Kumomi, la nuova realtà urban milanese, il nuovo singolo del cantautore napoletano classe 1996 Vespro, dal titolo "Agave".