Attraverso lo specchio. Il mondo oltre le apparenze di Riccardo Dubitante

Attraverso lo specchio. Il mondo oltre le apparenze di Riccardo Dubitante

Dagli studi di cinema e storia dell’arte alle fotografie di moda per Gucci. L'intervista al fotografo che si definisce “maniaco del controllo”.

Milanese di nascita, cosmopolita per scelta, Riccardo Dubitante è un fotografo italiano specializzato in fotografia di moda. Con una laurea in Scienze umanistiche e un’altra in Film Studies all’University College of London, scopre una forte passione per la fotografia da autodidatta. Attualmente collabora con riviste e brand internazionali. Il mondo di Riccardo Dubitante è un mondo oltre le apparenze in quanto ricerca l’inaspettato, il nascosto, il freak, portandolo all’attenzione dello spettatore attraverso una fotografia attentamente composta e controllata.

Il mondo della moda è molto competitivo. Come sei riuscito a farti strada in questo settore?

In generale non credo esistano ricette sicure di successo, nella mia esperienza quello che mi ha aiutato ad andare avanti è stato cercare di smettere di paragonarmi costantemente agli altri fotografi e concentrarmi sul mio percorso, rendere ogni progetto più personale possibile, e si spera anche più originale, accettando anche di non piacere a tutti.

Ho visto che hai fotografato per diversi magazine di fama internazionale (I-D, Vogue Italia…). Qual è il lavoro dal quale ti sei sentito più rappresentato?

È difficile scegliere! Diciamo che da bravo control freak quale sono i miei preferiti sono quelli in cui ho avuto controllo totale della creatività, tra gli editoriali probabilmente A tale of mirrors è quello che rispecchia di più la mia visione e il mio vissuto, ma anche Naturophilia che ho scattato nei campi vicino a dove sono nato e dove ha vissuto mia nonna tutta la vita.

riccardo-dubitante-naturophilia

A proposito di questo, la serie di scatti A tale of Mirrors and Reflections è stata proprio quella che mi ha colpito maggiormente. Quale significato risiede dietro queste fotografie?

Grazie! È sicuramente uno dei miei lavori più personali e anche più complicati da scattare. L’idea parte dal concetto di mise en abyme, specchi che riflettendosi tra di loro creano l’illusione di un tunnel infinito. Ho immaginato di percorrere quel tunnel entrando nello specchio e di scoprire una dimensione diversa, in cui il riflesso dello specchio non è più la realtà visibile ma un mondo interiore che non riesce a emergere oltre l’apparenza. È la scissione tra la rappresentazione che diamo di noi stessi e la realtà del nostro intimo.

Cosa cerchi in un/a modello/a?

Evito di partire con idee preconcette, diciamo che so quello che NON cerco: banalità e artificiosità. Per questo mi piace lavorare con modelli/e con meno esperienza e meno sovrastrutture, perché li trovo più spontanei e autentici.

I fiori sono una costante nelle tue fotografie, rimandano a qualche cosa del tuo passato?

I fiori in realtà sono un’aggiunta abbastanza recente nel mio repertorio, ho iniziato a sperimentare associando ad alcuni soggetti dei fiori, lasciandomi guidare dall’istinto. Mi piace il dialogo che si crea tra elemento umano e floreale, i fiori poi rappresentano una bellezza fugace che viene strappata ed è destinata a decadere in fretta, un po’ come la giovinezza e la freschezza, vivono nel momento.

Pensi che il periodo di quarantena abbia portato dei cambiamenti nel lavoro di voi fotografi (es. Facetime)?

Il distanziamento sociale e la paura che caratterizzano questo momento storico hanno influenzato inevitabilmente il nostro lavoro. La sfida ora è trovare un modo nuovo di lavorare e di raccontare il mondo che ci circonda, il che non è un’impresa facile. Scattare da remoto con Facetime è un tentativo ma non lo vedo come una soluzione a lungo termine, comunque è giusto sperimentare. Ogni grande mutamento porta con sé un iniziale smottamento, col tempo impareremo ad adattarci a questa nuova normalità.

riccardo-dubitante-via-padova

Immagini courtesy of Riccardo Dubitante ( Instagram | Website)

I 10 migliori film del 2021

Da Sorrentino a Vinterberg, da Woody Allen a Jane Campion: i 10 migliori film del 2021 secondo la redazione di Ulai. Tutto il resto è noia.

L’erotismo irriverente nella fotografia di Emanuele Ferrari

Emanuele Ferrari fa parte della top 100 dei fotografi internazionali più influenti sul web...

Takeaway, quattro chiacchiere sul nuovo film di Renzo Carbonera

Con il film Takeaway, Renzo Carbonera porta al cinema una lucida riflessione sullo sport e sui compromessi per vincere.

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

Leggi anche

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

Walkman – Scelti da Lena A.

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Oggi con la giovane cantautrice Lena A.

Solo gli artisti sopravvivono – Ascolta il podcast con Camilla Cattabriga

Dai ritratti all'amica Matilda De Angelis all'amore per la fotografia analogica, Camilla Cattabriga si racconta in un nuovo toccante podcast.

Arte emergente: per Alice e Ahad nulla è più ricco della polvere

Alice Mestriner e Ahad Moslemi si interrogano sui concetti di tempo, identità e linguaggio, tra installazione, performance e arte concettuale.

“Venere in pelliccia”: un viaggio introspettivo nel sadomasochismo

Non solo "50 Sfumature di Grigio": un esempio di maestria registica i cui cardini girano attorno alla vendetta femminile e al rovesciamento dei ruoli, conditi dalla frizzante ironia tipicamente polanskiana.