Attraverso lo specchio. Il mondo oltre le apparenze di Riccardo Dubitante

Dagli studi di cinema e storia dell’arte alle fotografie di moda per Gucci. L'intervista al fotografo che si definisce “maniaco del controllo”.

Milanese di nascita, cosmopolita per scelta, Riccardo Dubitante vanta una laurea in Scienze umanistiche e un’altra in Film Studies all’University College of London. Da autodidatta scopre una forte passione per la fotografia, dando inizio a collaborazioni con riviste e brand conosciuti a livello mondiale.

Il mondo della moda, soprattutto per voi fotografi, è un ambiente molto competitivo. Come sei riuscito a farti strada in questo settore?

In generale non credo esistano ricette sicure di successo, nella mia esperienza quello che mi ha aiutato ad andare avanti è stato cercare di smettere di paragonarmi costantemente agli altri fotografi e concentrarmi sul mio percorso, rendere ogni progetto più personale possibile, e si spera anche più originale, accettando anche di non piacere a tutti.

Ho visto che hai fotografato per diversi magazine di fama internazionale (I-D, Vogue Italia…). Qual è il lavoro dal quale ti sei sentito più rappresentato?

È difficile scegliere! Diciamo che da bravo control freak quale sono i miei preferiti sono quelli in cui ho avuto controllo totale della creatività, tra gli editoriali probabilmente A tale of mirrors è quello che rispecchia di più la mia visione e il mio vissuto, ma anche Naturophilia che ho scattato nei campi vicino a dove sono nato e dove ha vissuto mia nonna tutta la vita.

A proposito di questo, la serie di scatti “A tale of Mirrors and Reflections” è stata proprio quella che mi ha colpito maggiormente…quale significato risiede dietro queste fotografie?

riccardo-dubitante-a-tale-of-mirrors

Grazie! È sicuramente uno dei miei lavori più personali e anche più complicati da scattare. L’idea parte dal concetto di mise en abyme, specchi che riflettendosi tra di loro creano l’illusione di un tunnel infinito. Ho immaginato di percorrere quel tunnel entrando nello specchio e di scoprire una dimensione diversa, in cui il riflesso dello specchio non è più la realtà visibile ma un mondo interiore che non riesce a emergere oltre l’apparenza. È la scissione tra la rappresentazione che diamo di noi stessi e la realtà del nostro intimo.

Nei tuoi progetti personali, cosa cerchi in un/a modello/a?

Evito di partire con idee preconcette, diciamo che so quello che NON cerco: banalità e artificiosità. Per questo mi piace lavorare con modelli/e con meno esperienza e meno sovrastrutture, perché li trovo più spontanei e autentici.

I fiori sono una costante nelle tue fotografie, rimandano a qualche cosa del tuo passato?

I fiori in realtà sono un’aggiunta abbastanza recente nel mio repertorio, ho iniziato a sperimentare associando ad alcuni soggetti dei fiori, lasciandomi guidare dall’istinto. Mi piace il dialogo che si crea tra elemento umano e floreale, i fiori poi rappresentano una bellezza fugace che viene strappata ed è destinata a decadere in fretta, un po’ come la giovinezza e la freschezza, vivono nel momento.

riccardo-dubitante-lou

Pensi che il periodo di quarantena abbia portato dei cambiamenti nel lavoro di voi fotografi (es.Facetime)?

Il distanziamento sociale e la paura che caratterizzano questo momento storico hanno influenzato inevitabilmente il nostro lavoro. La sfida ora è trovare un modo nuovo di lavorare e di raccontare il mondo che ci circonda, il che non è un’impresa facile. Scattare da remoto con Facetime è un tentativo ma non lo vedo come una soluzione a lungo termine, comunque è giusto sperimentare. Ogni grande mutamento porta con sé un iniziale smottamento, col tempo impareremo ad adattarci a questa nuova normalità.

riccardo-dubitante-yula
riccardo-dubitante-via-padova
riccardo-dubitante-sedia-rotelle
riccardo-dubitante-ritratto-eugenio
riccardo-dubitante-naturophilia
riccardo-dubitante-naturophilia-ritratto
riccardo-dubitante-matilde-angelica

© Immagini di Riccardo Dubitante: Instagram | Website

Serena Gaudenziohttps://ulaimedia.it/
Studentessa di moda e blogger. Fai della tua vita un'opera d'arte.

Popolari

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

15 brani consigliati da 15 artisti per la Giornata Mondiale del Vento

Da consumarsi preferibilmente cantando a squarciagola in macchina.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Solo gli artisti sopravvivono: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Walkman #4 – My Girl Is Retro

In uscita con il nuovo singolo "Corallo", My Girl Is Retro compone per noi una playlist avvolgente e riflessiva, come la sua musica.

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

La filosofia del ramo: l’arte di Iside Calcagnile in un nuovo podcast

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.