Giuseppe Gradella: svelare la memoria

Una variazione sul tema della bellezza, tra senso pittorico e dimensione onirica della fotografia.

Giuseppe Gradella, fotografo italiano classe 1973, riesce a destreggiarsi perfettamente tra la platea di Instagram, l’industria della moda e della comunicazione, il mondo dell’arte e delle mostre fotografiche. La chiave di questa versatilità? La capacità di unire tecnica fotografica e stile altamente personale e riconoscibile.

Giuseppe si dedica sin da bambino al disegno, passione che sviluppa nel tempo assieme a quella per l’arte contemporanea. Laureato in progettazione architettonica, svolge per molti anni la professione di architetto, dedicandosi professionalmente alla fotografia solo dieci anni dopo la laurea. 

A partire dal 2014 espone in mostre personali e collettive, vince premi nazionali e internazionali, lavora in ambito commerciale e per la fashion Industry. Recentemente le sue foto sono state proiettate per un mese su due mega schermi in Plaza Callao a Madrid ed è stato selezionato dal magazine Cultura Inquieta assieme a una ventina di altri artisti internazionali.

Tra le opere che meglio rappresentano lo stile di Gradella, ricordiamo la serie fotografica Italian Renaissance, comprendente una trentina di ritratti fotografici femminili a grande formato, esposta in varie città italiane.

Italian Renaissance di Giuseppe Gradella: donna con chiodo

La fotografia di Gradella sintetizza perfettamente un gusto minimalista tipicamente contemporaneo e un senso pittorico di derivazione rinascimentale. I riferimenti al passato emergono nei canoni compositivi, nelle pose, nella resa pittorica dei colori, ma rimangono nel sottotraccia, in quanto la dimensione spazio-temporale delle immagini resta sospesa e mirata alla rappresentazione di un micro-cosmo del tutto personale. 

Il passato è evocato ma c’è sempre un dettaglio che ci riporta al presente (la fattura di uno specchio, un orecchino, una sigaretta). Gli elementi accessori sono ridotti all’osso, così come le ambientazioni e il background, sintetizzati da pochi elementi funzionali al soggetto. La formazione da architetto è facilmente riscontrabile nel rigore della tecnica fotografica e nel purismo delle forme e delle linee. Una fotografia senza sbavature, o meglio, di sbavature formalmente controllate.

La femminilità dei soggetti è contenuta, eterea e misteriosa, anche quando è messa a nudo. I corpi che si nascondono dietro le superfici, le ombre, i movimenti, sprigionano una carica erotica misurata ed elegante. L’urlato e il manifesto lasciano così il posto al surrealismo onirico e al silenzio. Dalla fotografia di Gradella non si può non rimanere affascinati: la sua capacità di evocare il passato rimanendo moderno, lo contraddistingue anche nello spazio ristretto e bistrattato di una pagina Instagram.

Donna misteriosa: fotografia di Giuseppe Gradella

Immagini courtesy of Giuseppe Gradella (Portfolio)

Nicole Chioccariello
Più nouvelle vague, meno nouvelle cuisine. Vivo a Padova, dove lavoro come videomaker e content creator.

Popolari

Questa fotografa vi farà capire che amare le persone non è affatto secondario

Ci sono fotografi affascinati dalle persone, e fotografi a cui piace semplicemente applicare la regola dei terzi. Elena Orta appartiene alla prima di queste categorie.

Sui reportage intimisti di Mirko De Pasquale

Un'interpretazione fuori dagli schemi, intimista e multi-etnica, della fotografia di ritratto.

Attraverso lo specchio. Il mondo oltre le apparenze di Riccardo Dubitante

Dagli studi di cinema e storia dell’arte alle fotografie di moda per Gucci. L'intervista al fotografo che si definisce “maniaco del controllo”.

recenti

“Il nome della rosa” e il Postmoderno: ma ne siamo davvero usciti?

Il romanzo di Eco è un capolavoro della contemporaneità e ce ne disvela il carattere ibrido, labirintico, citazionista e senza centro.

Il disco d’esordio di Vipera è pura poesia

Dal roster di Dischi Sotterranei una nuova proposta tanto indecifrabile quanto ammaliante: "Tentativo di Volo" è l'ep d'esordio di Vipera.

Dove nascono le idee – A casa di Henna

Per la rubrica "Dove nascono le idee" siamo stati a Milano, zona Porta Venezia, a casa della cantautrice italiana Henna.

altro di ulai

Dove nascono le idee – A casa di Nove

È di recente uscita "Saturno", l'EP di debutto della cantautrice Nove e per l'occasione siamo andati a curiosare a casa sua a Milano.

Billie Eilish contro il body shaming: il video che tutti dovremmo guardare

Nel video-manifesto Not my responsibility, Billie Eilish attacca haters e body shamers, confermando la propria posizione contro gli stereotipi di genere.

Codacons vs Ferragni: cronache di un paese proiettato nel passato

La Ferragni come la Madonna: «squallida provocazione» o libertà artistica?

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

Studio Ghibli: quando l’animazione incontra la poesia

Per una meritata pausa dal reale, c’è il cinema d’animazione giapponese firmato studio Ghibli-Hayao Miyazaki.