Giuseppe Gradella: svelare la memoria

Giuseppe Gradella: svelare la memoria

Una variazione sul tema della bellezza, tra senso pittorico e dimensione onirica della fotografia.

Giuseppe Gradella, fotografo italiano classe 1973, riesce a destreggiarsi perfettamente tra la platea di Instagram, l’industria della moda e della comunicazione, il mondo dell’arte e delle mostre fotografiche. La chiave di questa versatilità? La capacità di unire tecnica fotografica e stile altamente personale e riconoscibile.

Giuseppe si dedica sin da bambino al disegno, passione che sviluppa nel tempo assieme a quella per l’arte contemporanea. Laureato in progettazione architettonica, svolge per molti anni la professione di architetto, dedicandosi professionalmente alla fotografia solo dieci anni dopo la laurea. 

A partire dal 2014 espone in mostre personali e collettive, vince premi nazionali e internazionali, lavora in ambito commerciale e per la fashion Industry. Recentemente le sue foto sono state proiettate per un mese su due mega schermi in Plaza Callao a Madrid ed è stato selezionato dal magazine Cultura Inquieta assieme a una ventina di altri artisti internazionali.

Tra le opere che meglio rappresentano lo stile di Gradella, ricordiamo la serie fotografica Italian Renaissance, comprendente una trentina di ritratti fotografici femminili a grande formato, esposta in varie città italiane.

Italian Renaissance di Giuseppe Gradella: donna con chiodo

La fotografia di Gradella sintetizza perfettamente un gusto minimalista tipicamente contemporaneo e un senso pittorico di derivazione rinascimentale. I riferimenti al passato emergono nei canoni compositivi, nelle pose, nella resa pittorica dei colori, ma rimangono nel sottotraccia, in quanto la dimensione spazio-temporale delle immagini resta sospesa e mirata alla rappresentazione di un micro-cosmo del tutto personale. 

Il passato è evocato ma c’è sempre un dettaglio che ci riporta al presente (la fattura di uno specchio, un orecchino, una sigaretta). Gli elementi accessori sono ridotti all’osso, così come le ambientazioni e il background, sintetizzati da pochi elementi funzionali al soggetto. La formazione da architetto è facilmente riscontrabile nel rigore della tecnica fotografica e nel purismo delle forme e delle linee. Una fotografia senza sbavature, o meglio, di sbavature formalmente controllate.

La femminilità dei soggetti è contenuta, eterea e misteriosa, anche quando è messa a nudo. I corpi che si nascondono dietro le superfici, le ombre, i movimenti, sprigionano una carica erotica misurata ed elegante. L’urlato e il manifesto lasciano così il posto al surrealismo onirico e al silenzio. Dalla fotografia di Gradella non si può non rimanere affascinati: la sua capacità di evocare il passato rimanendo moderno, lo contraddistingue anche nello spazio ristretto e bistrattato di una pagina Instagram.

Donna misteriosa: fotografia di Giuseppe Gradella

Immagini courtesy of Giuseppe Gradella (Portfolio)

I 10 migliori film del 2021

Da Sorrentino a Vinterberg, da Woody Allen a Jane Campion: i 10 migliori film del 2021 secondo la redazione di Ulai. Tutto il resto è noia.

L’erotismo irriverente nella fotografia di Emanuele Ferrari

Emanuele Ferrari fa parte della top 100 dei fotografi internazionali più influenti sul web...

Takeaway, quattro chiacchiere sul nuovo film di Renzo Carbonera

Con il film Takeaway, Renzo Carbonera porta al cinema una lucida riflessione sullo sport e sui compromessi per vincere.

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

Leggi anche

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

Walkman – Scelti da Lena A.

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Oggi con la giovane cantautrice Lena A.

Solo gli artisti sopravvivono – Ascolta il podcast con Camilla Cattabriga

Dai ritratti all'amica Matilda De Angelis all'amore per la fotografia analogica, Camilla Cattabriga si racconta in un nuovo toccante podcast.

Arte emergente: per Alice e Ahad nulla è più ricco della polvere

Alice Mestriner e Ahad Moslemi si interrogano sui concetti di tempo, identità e linguaggio, tra installazione, performance e arte concettuale.

“Venere in pelliccia”: un viaggio introspettivo nel sadomasochismo

Non solo "50 Sfumature di Grigio": un esempio di maestria registica i cui cardini girano attorno alla vendetta femminile e al rovesciamento dei ruoli, conditi dalla frizzante ironia tipicamente polanskiana.