Il mito di James Dean negli scatti di Dennis Stock

È bastato quel freddo inverno 1955-’56 per far sì che Dennis Stock rendesse immortale il più famoso ribelle di Hollywood.

Una figura enigmatica e schiva. Occhiaie che solcano profondi occhi azzurri, in grado di suscitare spesso tenerezza in chi lo guardava.

Elia Kazan, regista de La Valle dell’Eden, una volta disse di lui: «Ti veniva voglia di abbracciarlo, di proteggerlo e di badare a lui. Il suo viso era molto poetico, meraviglioso e molto angosciato, pieno di desolazione.»

Se anche a 90 anni esatti dalla sua nascita, sono queste le emozioni che si prova osservando uno dei tanti scatti a James Dean, è anche grazie ad un fotografo che più di altri riuscì a catturare la sua essenza, Dennis Stock.

Il legame tra Dean e Stock, allora già noto e richiesto come fotografo documentarista, si consolidò nel corso di quel viaggio dell’inverno 1955-‘56, iniziato nel Midwest, terra natia dell’attore e terminato a New York. Da quell’esperienza prese vita una biografia visuale sull’attore, realizzata interamente in bianco e nero. Biografia che troviamo raccolta nel libro James Dean (Edizione Thames & Hudson, Stati Uniti d’America, 2015) con fotografie e testi D. Stock/Magnum Photos.

Prima di allora nessuna star di Hollywood aveva voluto mostrare al mondo le proprie origini e la propria quotidianità. Questo significava infatti mettere a nudo l’aspetto intimo, l’identità privata di una celebrità, della quale fino ad allora si conosceva solo il volto pubblico e sociale fornito dal cinema e dai rotocalchi.

James Dean e Dennis Stock tra l’Indiana e New York

James Dean nella fattoria dello zio (Dennis Stock | Magnum Photos, 1955)

Nel febbraio del 1955 i due vengono accolti nell’lndiana dagli zii dell’attore. Jimmy ripercorre la vecchia strada principale di Fairmount come un personaggio uscito da un romanzo della beat generation, con le mani in tasca, berretto da un lato e sigaretta stretta tra le labbra.

Stock lo riprende mentre siede a cena con i parenti, legge le favole al cuginetto, si diverte in mezzo al fango tra gli animali o posa con aria di sfida davanti al trattore dello zio. Torna al negozio dove aveva comprato la sua prima moto e visita al cimitero la tomba della madre, la cui morte precoce è sempre stata fonte di tormento interiore. In altri scatti posa con aria giocosa all’interno delle bare della camera mortuaria, che per strano gioco del destino, avrebbe accolto la sua salma solo sette mesi dopo. 

Fairmount è il luogo dove Jimmy fa emergere il suo lato ai più sconosciuto, quello mosso da una semplicità di spirito e da un amore incondizionato per bambini e animali.

james-dean-con-suo-cugino-markie-1955-fotografia-di-dennis-stock
James Dean con suo cugino Markie (Dennis Stock | Magnum Photos, 1955)

Qui si sente un po’ come il Piccolo principe, non a caso suo libro preferito: un giovane inesperto, attratto dal mondo esterno e dal sistema corrotto di Hollywood, ma pur sempre ancorato alla timida quotidianità tipica del mondo rurale. 

È nella Grande Mela che emerge invece il lato più conturbato e tragico del ribelle. L’iconico scatto di James Dean che con fare insicuro si aggira per Times Square avvolto da un pesante cappotto nero e con la sua fedele sigaretta in bocca, mostra un ragazzo impacciato nel suo tentativo di affermarsi in una realtà a lui nuova come quella newyorkese, mentre porta con sé il sogno del successo. Vi si scorgono quel fascino desolato e quella gelida solitudine tipica di un qualunque giovane che si sia mai trasferito in una città straniera per seguire la propria strada. Una patologica vulnerabilità che cercherà sempre di nascondere assumendo la posa del duro e forme di difesa come il suo tipico look da motociclista.

James Dean amava farsi fotografare e si rendeva benissimo conto di proiettare l’immagine di un forestiero maleducato, ma, data anche la sua inesperienza giovanile, probabilmente non sapeva neanche lui davvero chi fosse. 

L’incertezza della personalità di James Dean emerge proprio dal lavoro di Dennis Stock. Le sue fotografie, con la loro capacità di riportarci al presente di quegli attimi, sono riuscite a passare alla storia facendo sopravvivere nel tempo la vera essenza del giovane attore e contribuendo alla creazione del mito di James Dean.

James Dean a Time Square (Dennis Stock | Magnum Photos, 1955)

Popolari

Davide Degano: fotografare il locale che sopravvive alla globalizzazione

Storie personali e collettive, oltre la superficie del fotogiornalismo.

La sospensione dell’esistenza post-pandemia in foto

Quella di Andrea Passon è un esempio di fotografia contemporanea, onirica e inafferrabile, sebbene strettamente legata al nostro presente.

Attraverso lo specchio. Il mondo oltre le apparenze di Riccardo Dubitante

Dagli studi di cinema e storia dell’arte alle fotografie di moda per Gucci. L'intervista al fotografo che si definisce “maniaco del controllo”.

recenti

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

altro di ulai

Across the University: lettera dal festival

Ecco cosa significa annullare una manifestazione a causa del Coronavirus.

Francesco Savini: «Maratoneti è nata come una nota sul cellulare»

L'epifania su una generazione di " nati stanchi".

Solo gli artisti sopravvivono – Animali illustrati con Lara Ottaviani

Illustrazione e incisione legate alla tematica animalista: Lara Ottaviani si racconta nel secondo episodio del podcast "Solo Gli Artisti Sopravvivono".

Narrazione cinematografica e cultura americana nella fotografia di Cristina Rizzi Guelfi

Parrucche bionde, colori saturi e atmosfere hitchcockiane, la fotografia di Cristina prima colpisce, poi angoscia, infine interroga.

Come la leggerezza può salvarci dalla quarantena

Nazi-cinefili e snob della musica, mettiamo da parte gli intellettualismi inutili e quel tipico atteggiamento di superiorità: abbandoniamoci alla pura sete di cultura.