Intervista a Marta Bevacqua: essere una fotografa di moda a Parigi

Intervista a Marta Bevacqua: essere una fotografa di moda a Parigi

Dai progetti personali ai servizi fotografici per Marie Claire, Elle, Vogue e Dior.

Marta Bevacqua è una fotografa italiana attiva a livello internazionale. Nata a Roma e cresciuta nella campagna circostante, ha iniziato a fotografare durante le superiori, finché la fotografia non è diventata prima una passione, poi un lavoro. Nel 2012 partecipa a Photissima Art Fair alla Biennale di Venezia e vince il People’s Choice Award di Artist Wanted pochi mesi più tardi. Dal 2014 vive a Parigi, dove lavora per importanti riviste e marchi come Marie Claire, Elle, Vogue, Dior, Vichy e Samsung. In ambito video ha diretto clip per Asaf Avidan e Benjamin Biolay. È rappresentata dall’agenzia fotografica parigina Open Space Paris.

Lo stile fotografico di Marta Bevacqua coniuga l’introspezione e il mondo fashion. La spontaneità delle pose e la grazia dei soggetti, catturano lo spettatore in modo delicato e sincero. Ad interessarla è soprattutto l’universo femminile, rappresentato nella sua bellezza eterea e senza tempo, al di là dell’abito indossato. L’abbiamo intervistata per farci raccontare qualcosa di più di come la passione per la fotografia l’abbia portata a raggiungere i suoi traguardi.

Marta Bevacqua: ritratto donne nere

Quando hai iniziato a fotografare a livello professionale? 

Non so dire esattamente quando è cominciata, perché è successo pian piano. Già lavoravo un po’ in Italia, ma è da quando sono a Parigi che lavoro in modo stabile, quindi potrei dire dal 2014, anche se le cose sono arrivate, appunto, passo dopo passo. 

Quali sono i tuoi principali riferimenti in ambito fotografico e cinematografico?

Ne ho parecchi, comunque sicuramente Paolo Roversi, Tim Walker e Harley Weir in ambito fotografico, e per quanto riguarda il cinema, adoro la fotografia nei film di Tarantino, Wes Anderson e molti altri.

Come ti sei avvicinata al linguaggio video? 

In realtà è successo per caso. Ho conosciuto un direttore della fotografia a Parigi, nel 2016, che mi ha proposto di fare un primo progetto video insieme. Lì per lì non sapevo nemmeno cosa rispondere, dal momento che non ci avevo mai pensato e non mi ero mai vista come regista. Ho voluto comunque provare e mi è piaciuto dal primo istante. Da lì ho iniziato a realizzare altri progetti personali, fino ai primi clip e fashion film.

Da quanto tempo e perchè ti trovi a Parigi?  

Sono a Parigi dal 2014. Mi sono trasferita perché volevo lavorare soprattutto nella moda, ed essendo di Roma, purtroppo, c’era poco o niente. Piuttosto che andare a Milano, ho pensato di fare un’esperienza all’estero e vedere cosa e dove mi avrebbe portata. Ho trovato molto più di quel che cercavo inizialmente e sono ancora qui!

Hai lavorato per importanti marchi e magazine di moda. Quali sono le principali difficoltà che hai incontrato (se ce ne sono state)? 

La difficoltà maggiore è riuscire a mantenersi fedeli al proprio stile, nonostante le esigenze del marchio o del magazine. Alcune volte ti danno molta fiducia, altre invece devi eseguire quel che ti viene richiesto. Quando l’esigenza del cliente e il tuo stile coincidono è la cosa migliore e ovviamente il risultato è sempre assicurato. Più vado avanti, comunque, e più mi lasciano libera, e di questo sono molto contenta.

Cosa ti affascina di più del tuo lavoro? 

Il fatto di non avere una routine. Non riuscirei a immaginare la mia vita diversamente. Ogni giorno è diverso dall’altro, così come ogni progetto su cui lavoro.

A quale genere fotografico ti senti più affine?

Lavoro principalmente nella moda, ma realizzo anche molti progetti personali. Probabilmente direi la moda, ma quando si fa più artistica ed è possibile creare qualcosa di bello, a prescindere dal prodotto che si deve vendere.

Se dovessi scegliere una colonna sonora perfetta per le tue fotografie, quale sarebbe?

È molto molto difficile, perché vado a periodi con la musica, e in quei periodi ascolto un unico brano a ripetizione finché non ho voglia di vomitare ahahah. Sui due piedi, direi le colonne sonore di film e, ultimamente, Moby.

Immagini courtesy of Marta Bevacqua (Website | Instagram)

I 10 migliori film del 2021

Da Sorrentino a Vinterberg, da Woody Allen a Jane Campion: i 10 migliori film del 2021 secondo la redazione di Ulai. Tutto il resto è noia.

L’erotismo irriverente nella fotografia di Emanuele Ferrari

Emanuele Ferrari fa parte della top 100 dei fotografi internazionali più influenti sul web...

Takeaway, quattro chiacchiere sul nuovo film di Renzo Carbonera

Con il film Takeaway, Renzo Carbonera porta al cinema una lucida riflessione sullo sport e sui compromessi per vincere.

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

Leggi anche

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

Walkman – Scelti da Lena A.

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Oggi con la giovane cantautrice Lena A.

Solo gli artisti sopravvivono – Ascolta il podcast con Camilla Cattabriga

Dai ritratti all'amica Matilda De Angelis all'amore per la fotografia analogica, Camilla Cattabriga si racconta in un nuovo toccante podcast.

Arte emergente: per Alice e Ahad nulla è più ricco della polvere

Alice Mestriner e Ahad Moslemi si interrogano sui concetti di tempo, identità e linguaggio, tra installazione, performance e arte concettuale.

“Venere in pelliccia”: un viaggio introspettivo nel sadomasochismo

Non solo "50 Sfumature di Grigio": un esempio di maestria registica i cui cardini girano attorno alla vendetta femminile e al rovesciamento dei ruoli, conditi dalla frizzante ironia tipicamente polanskiana.