Out of the blue: la fotografia secondo Pasquale Ettorre

Out of the blue: la fotografia secondo Pasquale Ettorre

Quando una passione inaspettata per la fotografia porta ad un felice incontro tra ritratti femminili e mondo fashion.

«Da ragazzino non me ne fregava nulla della fotografia nonostante mio padre fosse un fotografo (ora è in pensione). Quasi la odiavo, a tratti. Poi ho scoperto la vera fotografia, fatta di storia, autori, idee, progetti, racconti ed esperienze di vita e me ne sono innamorato.»

Pasquale è originario di Matera ma vive e lavora a Milano da 10 anni. Qui frequenta un master in Photography and Visual Design. Dopo un periodo di gavetta come assistente, lavora come fotografo freelance. Stile minimal e naturale, tra la ritrattistica e il mondo fashion, le sue fotografie scaturiscono lo stesso effetto di una ventata d’aria fresca.

ritratto-donna-bicchiere-pasquale-ettorre

Come nasce la tua passione per la fotografia?

Più che una passione la fotografia è per me una sorta di necessità che non ho scoperto “out of the bluema che ho sempre sentito. E’ un interesse che ho sempre avuto, non legato al puro atto di fotografare ma ad un uso a volte consapevole altre inconsapevole della fotografia come mezzo per imparare e conoscere qualcosa che mi incuriosisce e interessa.

donna-vestito-verde-pasquale-ettorre-fotografia

Come scegli le/i modelle/i? 

Li scelgo cercando sempre di incontrare prima i soggetti che voglio fotografare, per scambiare due chiacchiere. 

Quali sono i pro e i contro della fotografia analogica?

Come pro cito sicuramente: l’approccio che diventa più pensato; il non avere a disposizione il monitor per guardare gli scatti e quindi la necessità di una maggior riflessione; il controllo su tutto il processo dallo scatto alla stampa. Come contro direi l’attesa (che è comunque anche un PRO) e l’elevato costo delle pellicole.

donna-giardino-pasquale-ettorre-fotografia

Quanto curi la post-produzione?

Pochissimo. Tendo a lasciare le foto così come sono. Odio i livelli di Photoshop. 

Raccontaci una o più fotografie a cui sei particolarmente legato. 

Tutte le fotografie che ha scattato mio padre quando ero un bimbo/ragazzino e che mia madre, negli anni, ha conservato in degli album fantastici. 

Se avessi la possibilità di scegliere, chi ti piacerebbe fotografare in futuro? 

Ogni tanto scrivo chi mi piacerebbe scattare ma cambio continuamente soggetto. Al momento, l’ultimo nome inserito nella lista, è quello di Clementine Creevy dei Cherry Glazzer.

Leggi anche: Gotico contemporaneo nella fotografia di Isotta Giulia Acquati

donna-riccia-pasquale-ettorre-fotografia
ritratto-donna-anguria-pasquale-ettorre-fotografia-contemporanea
ritratto-penombra-pasquale-ettorre-fotografia
ease-attitude-pasquale-ettorre-fotografia

Foto di Pasquale Ettorre (Porfolio)

I 10 migliori film del 2021

Da Sorrentino a Vinterberg, da Woody Allen a Jane Campion: i 10 migliori film del 2021 secondo la redazione di Ulai. Tutto il resto è noia.

L’erotismo irriverente nella fotografia di Emanuele Ferrari

Emanuele Ferrari fa parte della top 100 dei fotografi internazionali più influenti sul web...

Takeaway, quattro chiacchiere sul nuovo film di Renzo Carbonera

Con il film Takeaway, Renzo Carbonera porta al cinema una lucida riflessione sullo sport e sui compromessi per vincere.

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

Leggi anche

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

Walkman – Scelti da Lena A.

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Oggi con la giovane cantautrice Lena A.

Solo gli artisti sopravvivono – Ascolta il podcast con Camilla Cattabriga

Dai ritratti all'amica Matilda De Angelis all'amore per la fotografia analogica, Camilla Cattabriga si racconta in un nuovo toccante podcast.

Arte emergente: per Alice e Ahad nulla è più ricco della polvere

Alice Mestriner e Ahad Moslemi si interrogano sui concetti di tempo, identità e linguaggio, tra installazione, performance e arte concettuale.

“Venere in pelliccia”: un viaggio introspettivo nel sadomasochismo

Non solo "50 Sfumature di Grigio": un esempio di maestria registica i cui cardini girano attorno alla vendetta femminile e al rovesciamento dei ruoli, conditi dalla frizzante ironia tipicamente polanskiana.