Ultimo paesaggio siciliano di Leandro Colantoni

La forza poetica di una serie di istantanee scattate con l’iPhone, per raccontare stralci di vita quotidiana e di paesaggio.

Leandro Colantoni nasce nel 1991 ad Agrigento, in Sicilia. Inizia a fotografare un paio di anni fa, da autodidatta, dopo aver scoperto il lavoro del fotografo italiano Luigi Ghirri. Per esprimersi utilizza principalmente il proprio iPhone: scelta di comodità, che a differenza di migliaia di foto condivise per noia, si traduce in stile. Necessità di immediatezza che recupera il senso della fotografia istantanea.

Con la serie fotografica Ultimo paesaggio siciliano Leandro ci conduce in un universo assolato, silenzioso e affascinante. Con sguardo semplice e minimalista, cattura la Sicilia della vita quotidiana e degli angoli dimenticati, dove si fondono modernità, tradizione e devozione. Una Sicilia che mantiene le sue connotazioni, resistendo meglio di altri luoghi all’avanzare della globalizzazione che rende una città uguale all’altra. Il paesaggio povero e scarno, dalle inconfondibili tinte pastello, sembra un invito alla pausa e alla riflessione. Cosa resterà tra qualche anno di questa ultima poetica Sicilia? 

Ultimo paesaggio siciliano

Chi è Leandro Colantoni?

Sto cercando di scoprirlo anch’io, forse è questo il motivo per cui fotografo.

Chi ha influenzato maggiormente il tuo stile fotografico?

Nel mondo della fotografia sicuramente Ghirri, ma anche l’immenso lavoro di altri fotografi come Stephen Shore, Jason Fulford o i più contemporanei Piero Percoco, Dmitry Markov e molti altri. Anche il cinema per me è una grandissima fonte d’ispirazione, in questo periodo sto apprezzando molto l’apparente semplicità del cinema di Rohmer.

Ultimo paesaggio siciliano: letto antico

Parlaci di Ultimo paesaggio siciliano (quando hai iniziato a raccogliere le prime fotografie, com’è nata l’idea, ecc.). 

Ultimo Paesaggio Siciliano è un’indagine visiva sulla Sicilia realizzata esclusivamente con un iPhone. Nasce nel 2019, dall’esigenza di parlare della mia terra, di lasciare una testimonianza dell’ultima Sicilia. Tutto il lavoro è focalizzato sui simbolismi e sui clichè che caratterizzano la cultura, le persone e il paesaggio della mia isola.

Ultimo paesaggio siciliano: uomo al mare

Perché la scelta di utilizzare un semplice iPhone?

E’ stata una semplicissima scelta basata sulla comodità. Lavorando tutti i giorni avevo bisogno di un mezzo fotografico sempre a portata di mano che mi permettesse di fotografare ovunque io mi trovassi. L’iPhone era la scelta più intelligente.

Esci di casa sapendo esattamente cosa fotograferai o succede e basta?

Succede, esco di casa per fare altre cose, per lavoro o svago, ho smesso da un bel po’ di uscire per fotografare, mi metteva ansia. Per me oggi la fotografia è solo un fatto istintivo, come un gioco, scatto solo quando qualcosa attira il mio sguardo.

Cosa attira di più il tuo sguardo?

Non ho preferenze, sono attratto da tutto, potrei definire il mio sguardo come universale. Mi annoierei se fossi attratto solo da qualcosa di specifico.

Paesaggio siciliano: vecchia fontana

Raccontaci un retroscena curioso di una tua foto.

Non saprei. Sarebbe bello immaginarsi il retroscena di una foto. Cosa è successo prima di quel momento? Cosa succederà dopo? Lasciare qualcosa di sospeso dà spazio all’immaginazione. Penso che la fotografia possa servire anche a questo, a creare un mondo immaginario oltre che documentarlo.

Hai mai pensato di lasciare la Sicilia?

Sì, ci penso spesso, ma ad oggi mi ritrovo ancora qui, forse perchè non ne ho mai avuto l’opportunità. Se un giorno scegliessi di farlo, sicuramente non lo farei per sempre, sognerei sempre di ritornare. Negli anni ho creato un legame fortissimo con la mia terra.

C’è qualcosa che non hai ancora fotografato e che ti piacerebbe avere l’opportunità di fotografare?

Si, mi piacerebbe concentrarmi di più sulle persone, sulle loro emozioni, sulle loro vite. 

Sicilia: pianta grassa

Immagini di Leandro Colantoni: Instagram | Website

Nicole Chioccariello
Più nouvelle vague, meno nouvelle cuisine. Vivo a Padova, dove lavoro come videomaker e content creator.

Popolari

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

15 brani consigliati da 15 artisti per la Giornata Mondiale del Vento

Da consumarsi preferibilmente cantando a squarciagola in macchina.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Solo gli artisti sopravvivono: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Walkman #4 – My Girl Is Retro

In uscita con il nuovo singolo "Corallo", My Girl Is Retro compone per noi una playlist avvolgente e riflessiva, come la sua musica.

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

La filosofia del ramo: l’arte di Iside Calcagnile in un nuovo podcast

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.