25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale.

A quando il prossimo concerto? È questa la domanda che risuona tra gli appassionati di musica live, quelli che in un anno normale avrebbero già spuntato in maniera compulsiva la casella “mi interessa” di tutti gli eventi Facebook a riguardo. Ma non ci siamo solo noi, i fan sfegatati, i professionisti del pogo, i consumatori di spillette e gli amanti della musica da ascoltare “in piedi”. L’iniziativa Ultimo Concerto ha il merito di aver messo in luce che esistono anche loro, i live club e gli addetti ai lavori, quelli di cui ci siamo sempre curati poco, dandoli forse, un pò per scontato. 

Ultimo Concerto ha posto l’attenzione sull’assoluta incertezza e instabilità in cui versano attualmente queste realtà: ne abbiamo comprese le difficoltà economiche, la mancanza di tutele e rappresentanza istituzionale. Ma anche la voglia di non arrendersi.

È di questo che ci parla Gabriele Vian, tra i fondatori del New Age Club di Treviso, da più di 20 anni punto di riferimento per concerti italiani ed internazionali, di musica underground e non solo. Dal 1996 hanno calcato il palco del New Age, artisti come Nicolò Fabi, Negrita, Carmen Consoli, Negramaro, Verdena, Afterhours, Subsonica, Kasabian, Anthrax, Skin, Bring me the Horizon e moltissimi altri. E dopo tutto questo rumore (rumore bello, s’intende), come altri club italiani, anche il New Age ha messo in pausa la normale attività a causa della pandemia da Covid-19.

New Age Club, Fast Animals And Slow Kids. Foto: Davide Carrer

Con la schiettezza e il pragmatismo tipici di chi conosce bene le dinamiche del proprio settore, Gabriele ha ripercorso con noi la storia del suo locale, dai tempi dei primi concerti live all’attuale chiusura forzata. Abbiamo parlato della decisione di aderire ad Ultimo Concerto e della campagna lanciata su Kickstarter per il progetto AstraLamp che vanta più di 200 sostenitori e 41 mila euro raccolti. 

Ci siamo anche chiesti perché i live club non siano mai stati equiparati a cinema e teatri in quanto spazi per la valorizzazione della cultura («è giusto che i teatri abbiamo i loro contribuiti ma a noi non è stato mai destinato nulla»). 

New Age Club, Marzo 2021. Foto: ulaimedia
New Age Club, Marzo 2021. Foto: ulaimedia

Secondo Gabriele «i live club sono l’unica vera palestra per gli artisti», ed è questo il loro principale compito e valore: dare una “casa” alla musica live e underground e una prima possibilità ai nuovi talenti, i piccoli gruppi che un giorno diventeranno grandi (com’è accaduto per i Subsonica ad esempio).  

Il pronostico realista e altamente condivisibile di Gabriele Vian è che “i live club torneranno ad operare quando torneranno pieni gli stadi”, ma anche che quando riapriranno «ci sarà un concerto al giorno» perchè la musica, i tour, gli artisti, sono stati fermi per troppo tempo. Noi siamo già pronti, a due passi dal palco, per riprenderci il tempo perduto, a tutto volume.

Foto in copertina: Davide Carrer

La redazione
Gli articoli a cura della nostra redazione.

Popolari

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

15 brani consigliati da 15 artisti per la Giornata Mondiale del Vento

Da consumarsi preferibilmente cantando a squarciagola in macchina.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Solo gli artisti sopravvivono: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Walkman #4 – My Girl Is Retro

In uscita con il nuovo singolo "Corallo", My Girl Is Retro compone per noi una playlist avvolgente e riflessiva, come la sua musica.

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

La filosofia del ramo: l’arte di Iside Calcagnile in un nuovo podcast

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.