Boreale: il vantaggio di essere indie e un singolo di fine estate

Conosciamo un cantautore entrato a far parte delle playlist italiane più ascoltate su Spotify.

Boreale è Alessandro Morini, cantautore romano che racconta storie malinconiche mescolate a caustiche ironie. Debutta a maggio 2019 con il brano Maggio Novantasei, il cui video viene subito scelto da Corriere.it per l’anteprima. Nello stesso anno escono i singoli Maremoto, Niente e Kilometri che entrano in alcune playlist di Spotify come Scuola indie e New Music Friday. Il nuovo anno vede l’uscita dei singoli Meraviglia e Tienila Stretta questa felicità (comparsa in Indie ItaliaScuola Indie e la Viral 50 – Italia di Spotify). La tua bocca, uscito per Rumore di Zona (distribuzione The Orchard) il 17 settembre, fa da sfondo alla fine dell’estate con arrangiamenti vagamente retrò.

Perché ti chiami Boreale?

Mi piaceva proprio il suono di questo nome, in più mi piaceva che questo mio nuovo percorso avesse i colori dell’aurora boreale.

Come nascono le tue canzoni?

Nascono un po’ ovunque, ma soprattutto in viaggio, in molti viaggi spesso mi appunto tantissime cose e da lì parte tutto.

Raccontaci qualcosa di più del tuo ultimo singolo “La tua bocca”.

La tua bocca è un singolo di fine estate, si porta con sé quella malinconia ma anche quella felicità per qualcosa di molto bello che sta per iniziare. 

Boreale, Nella tua bocca: cover album

Qual è il tuo primo ricordo legato alla musica?

Il primo primo fu quando cantavo le canzoni che mia madre metteva allo stereo di casa; tra Battisti, Morandi, Venditti, De Andrè e Baglioni. Ce n’è un secondo che ricordo molto bene ancora oggi in cui provavo a suonare Regalami il tuo sogno di Ligabue con la chitarra (primo approccio allo strumento), fatto di due accordi, cantavo questa canzone ma allo stesso tempo piangevo per il dolore alle dita sanguinanti.

L’album che non ti stanchi mai di ascoltare.

Ce ne sono molti, uno tra questi è Canzoni a manovella di Vinicio Capossela e Siamo solo noi di Vasco Rossi.

Hai un piano-b rispetto al fare musica?

È tutta la vita che mi dedico anche ad altro, riuscire nella musica sarebbe semplicemente riuscire nella mia passione più grande.

Cosa significa oggi essere “indie”?

Essere indie significa essere entrati a far parte di un circuito, dove è nato un grande interesse. In questi anni è stato costruito questo circuito pian piano e ha preso sempre più piede, ed entrare in questo tipo di concezione in qualche modo è diventato un vero e proprio vantaggio.

Progetti futuri?

Entrerò in studio a giorni per ultimare finalmente il mio primo disco, non vedo l’ora!

Ascolta Boreale nella nostra playlist Indie Radar #2020:

La redazione
Gli articoli a cura della nostra redazione.

Popolari

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

15 brani consigliati da 15 artisti per la Giornata Mondiale del Vento

Da consumarsi preferibilmente cantando a squarciagola in macchina.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Solo gli artisti sopravvivono: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Walkman #4 – My Girl Is Retro

In uscita con il nuovo singolo "Corallo", My Girl Is Retro compone per noi una playlist avvolgente e riflessiva, come la sua musica.

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

La filosofia del ramo: l’arte di Iside Calcagnile in un nuovo podcast

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.