Cordio: “Cose che dicono” è una telefonata che si trasforma in canzone

Cordio: “Cose che dicono” è una telefonata che si trasforma in canzone

Dall'amicizia con Ermal Meta all'uscita del nuovo singolo fuori per Mescal: tenete d'occhio Cordio.

Dall'amicizia con Ermal Meta all'uscita del nuovo singolo fuori per Mescal: tenete d'occhio Cordio.

Cose che si dicono è il nuovo singolo di Cordio fuori su Etichetta Mescal. È la storia di una telefonata a un’ex, cominciata male e finita malissimo, o forse mai cominciata davvero. La produzione – a cura di Lorenzo Vizzini – ha echi beatlesiani nei suoni e nell’incedere ritmico e segue la scia del precedente singolo Mezza Mela, mettendo al centro la musica suonata e immergendo il brano in un’atmosfera fuori dal tempo.

È una canzone vulcanica, nel senso che è venuta fuori come un’eruzione, dopo giorni in cui cercavo le parole per dire come mi sentivo ma non le trovavo. È scritta con lo stomaco più che con la testa, e questa per me è una grande novità.

Cordio

Cose che dicono ha un testo molto articolato ma nel contempo diretto, narrativo: quale stato d’animo hai provato a dipingere in questo brano? È autobiografico? 

È un brano autobiografico, ma questo non significa che tutti i riferimenti siano necessariamente reali. Credo che lo stato d’animo sia quello della mancanza, e di quanto sia difficile comunicarla. 

Com’è nata l’idea della “simulazione” di una telefonata?

È nata spontaneamente, è la telefonata che avrei voluto fare ma non ho fatto.

Che ruolo ha avuto il produttore Lorenzo Vizzini? In che misura ha inciso, per esempio, sulla scelta delle sonorità o sulla chiave da dare al pezzo?

Lorenzo ha un ruolo determinante nella visione e direzione artistica di questo nuovo progetto. La sonorità è stato lui ad averla in testa sin dall’inizio ed è stato lui a scegliere i musicisti e dirigerli. Anche sulla chiave più ironica, all’inizio era più stucchevole, lui l’ha resa agrodolce.

Com’è nata invece la collaborazione con Ermal Meta?

È nata perchè l’ho tormentato ahah! L’ho conosciuto in spiaggia, da lì ho cominciato a mandargli le mie canzoni, fino a quando una gli è piaciuta e ha deciso di produrmi. 

In quale dimensione ti trovi più a tuo agio: quella di autore o di cantante/performer? Se dovessi scegliere, a quale delle due dimensioni rinunceresti? 

Mi trovo più a mio agio come cantante, in questo momento voglio riprendere a suonare dal vivo e voglio continuare a fare i miei dischi, tra le due sacrificherei quella dell’autore, per ora.

Sanremo è alle porte, per chi farai il tifo quest’anno?

Giovanni Truppi, che è uno dei miei cantautori preferiti in Italia.

Chi è Cordio

Pierfrancesco Cordio, in arte Cordio, è un cantautore nato a Catania nel 1995. Scoperto da Ermal Meta, che ne cura la produzione artistica e lo porta in tour come opening act nei suoi concerti per oltre 50 date in tutta Italia, partecipa a Sanremo Giovani 2019 con il brano La Nostra Vita.  Ospite della IX edizione di Meraviglioso Modugno viene premiato dalla Federazione Autori per «l’intensità e la fluidità di scrittura con cui dipinge nella canzone uno stato d’animo». 

Tra il 2019 e il 2020 apre alcuni concerti del tour Abbi cura di me di Simone Cristicchi e del tour L’altra metà di Francesco Renga. Pubblica per Mescal/Sony tre singoli e due EP digitali, poi confluiti in un unico disco in formato fisico dal titolo Ritratti Post Diploma, che ha presentato dal vivo a Roma, Milano e Catania. 

Il 19 Novembre è stato consegnato il nuovo singolo Mezza Mela (Mescal/ ADA) e seguito il 24 dal video. A due mesi esatti di distanza, arriva a tutti Cose che dicono; una telefonata che si trasforma in canzone e che viene abbinata da immagini che saranno online – come il brano – il 19 Gennaio 2022. 

Ascolta Cose che dicono di Cordio nella nostra playlist su Spotify:

Articoli Recenti

Altre Storie

Rise Above Dead: “I nostri pezzi sono il frutto di lunghe e fumose serate in sala prove”

Dopo lo stop obbligato degli scorsi mesi, Tutto Il Nostro Sangue, riparte e inaugura la sua quarta stagione sabato...

“L’ultima canzone dell’umanità” secondo Moderno

Il racconto di un'epifania in attesa dell'album "Storia di un occidentale".

Vespro: «sono uno stronzo vestito da bravo ragazzo, vestito da stronzo»

Fuori per Kumomi, la nuova realtà urban milanese, il nuovo singolo del cantautore napoletano classe 1996 Vespro, dal titolo "Agave".

Il mondo di Elena Maggiulli tra fotografia di moda e ritratti

Gli scatti di questa giovane fotografa romana colpiscono lo spettatore per la loro eleganza e intensità.