Il disco d’esordio di Vipera è pura poesia

Dal roster di Dischi Sotterranei, una nuova proposta tanto indecifrabile quanto ammaliante.

In questo luglio caldissimo ma pieno di sorprese esce per l’etichetta indipendente Dischi Sotterranei il disco di debutto di Vipera, alterego di Caterina Dufi, classe 1998. Tentativo di volo è un intreccio di trame sonore e parole udite a mezzavoce, un disco senza genere ma con un’identità precisa. Gioco borgesiano, di riflessi e di rimandi interni tra i testi, quella di Vipera è una musica per iniziati, che si ispira – nella scrittura – a una riconnessione mitica tra passato e presente, una visione organizzata per dare forma al caos.

Dove sei nata e con che musica sei cresciuta?

Sono nata in Salento, sono cresciuta con tanti ascolti diversi, da Battiato alla musica di Fausto Rossi, dalla scena emo all’hardcore della Dichord Records, alle musiche di Frusciante. 

Cosa ti ha portato a creare un tuo progetto solista? 

È stata una questione tanto inerziale quanto di necessità. Sicuramente questo mi concede un certo grado di libertà creativa, poi quello che sto cercando di fare è qualcosa che vuole in qualche modo oltrepassare e andare attraverso la musica, tramite le arti visive e tutte le forme che servono a saziarmi e – se si può – a sfamare.

Composizione e scelte interpretative, rendono i brani del tuo primo EP prossimi alla poesia. Qual è il tuo rapporto con la scrittura?   

Una malformazione credo, i miei studi informano il modo di scrivere e del resto la canzone nasce come poesia musicata. Scrivo per stralci, cose sentite dire a mezza voce che in qualche modo emergono dal fruscio del quotidiano per bellezza casuale.

Tentativo di volo mescola senza forzature italiano e inglese, rendendole parte di un unico flusso di pensiero. È stata una scelta istintiva o ha un significato particolare? 

È stata una cosa fresca che arriva dalla scrittura dei testi. Compongo per accostamenti, la mia scrittura cerca il suono, ogni lingua si porta di questo le sue caratteristiche. Perciò uso gli strumenti che mi servono, un officina di Babele.

Dov’è stato girato il cortometraggio che accompagna l’uscita dell’EP? 

È stato girato nella mia cantina e sulle rive dell’Adriatico tra le rovine di Roca Vecchia e torre Sant’Emiliano.

Il concept è tuo e di Federico Rizzo: quali sono stati i vostri riferimenti visivi o narrativi?

Siamo partiti da un terreno comune di passioni condivise, il cinema di Paradzanov, per i suoi quadri immobili e profondissimi. Anche la pittura rinascimentale, il mito, le invenzioni di Leonardo, Derek Jarman. La lista è molto lunga e stratificata, la prova è stata la ricreazione di un codice nuovo che si inquadrasse, per usare le parole di F.Ferrari, nell’originario più che nell’originale.

Che ruolo ha avuto l’etichetta Dischi Sotterranei nell’accompagnare Vipera in questo progetto?

Da sempre un ruolo di grande sostegno, ci credono nel loro lavoro e lo fanno con una genuinità rara. Questo mi ha permesso di stare sulla soglia del limite con i mezzi adatti per mantenere l’equilibrio.

Qual è la cosa che ami di più e quella che ami di meno della tua attuale città, Bologna?

Di Bologna amo il colore, la tranquillità di una città viva e niente affatto frenetica. Di Bologna non amo le stesse cose che amo, è un compromesso problematico ma ce la giochiamo bene.

La redazione
Gli articoli a cura della nostra redazione.

Popolari

Intervista doppia: Jesse The Faccio e Nico LaOnda per “Ciao for now”

Come si scrive una canzone a quattro mani da Padova a NewYork.

Altarboy: il duo di producer insieme a Levante per la serie Netflix “Baby”

Fuori da giovedì 17 settembre Vertigine, il nuovo singolo di Levante feat. Altarboy, un...

Intervista a Narducci per l’uscita del nuovo singolo “Millepiedi”

Fuori per Gutter, Atena Dischi e Thaurus Publishing, il nuovo singolo estivo dell'artista molisano Narducci dal titolo "Millepiedi".

recenti

“Il nome della rosa” e il Postmoderno: ma ne siamo davvero usciti?

Il romanzo di Eco è un capolavoro della contemporaneità e ce ne disvela il carattere ibrido, labirintico, citazionista e senza centro.

Il disco d’esordio di Vipera è pura poesia

Dal roster di Dischi Sotterranei una nuova proposta tanto indecifrabile quanto ammaliante: "Tentativo di Volo" è l'ep d'esordio di Vipera.

Dove nascono le idee – A casa di Henna

Per la rubrica "Dove nascono le idee" siamo stati a Milano, zona Porta Venezia, a casa della cantautrice italiana Henna.

altro di ulai

Dove nascono le idee – A casa di Nove

È di recente uscita "Saturno", l'EP di debutto della cantautrice Nove e per l'occasione siamo andati a curiosare a casa sua a Milano.

Billie Eilish contro il body shaming: il video che tutti dovremmo guardare

Nel video-manifesto Not my responsibility, Billie Eilish attacca haters e body shamers, confermando la propria posizione contro gli stereotipi di genere.

Codacons vs Ferragni: cronache di un paese proiettato nel passato

La Ferragni come la Madonna: «squallida provocazione» o libertà artistica?

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

Studio Ghibli: quando l’animazione incontra la poesia

Per una meritata pausa dal reale, c’è il cinema d’animazione giapponese firmato studio Ghibli-Hayao Miyazaki.