Divano is the new uscire: 5 film per combattere la noia secondo dellarabbia

I consigli cinematografici dei dellarabbia, reduci dall'uscita del nuovo singolo che cita Forrest Gump.

È disponibile da venerdì 23 ottobre 2020 per Numero 3 Music e Sony Music Italia, il secondo singolo dei dellarabbia dal titolo La Panchina (come Forrest Gump). Continuano i riferimenti cinematografici e i rimandi alla cultura pop per la band della provincia di Frosinone che, dopo il singolo di debutto L’Enigmista pubblicato a metà settembre, torna con un nuovo brano che prova a raccontare un sentimento sempre più diffuso. In effetti l’essere sempre più soli, frustrati e arrabbiati è la caratteristica principale dei nostri tempi. 

La Panchina è quasi un racconto breve, in cui il protagonista è seduto aspettando qualcuno che ama e che non arriverà mai. “Stupido è chi lo stupido fa”, diceva da un’altra celebre panchina Tom Hanks nei panni dell’indimenticabile Forrest Gump. Ma, a differenza di Forrest, che è lo specchio di un’America piena di buone intenzioni, in un periodo di riscatto sociale e razziale, il nostro protagonista si sente stupido e gonfio di quella rabbia esplosa con l’elezione di Donald Trump, e diffusasi prima in America, poi in tutto il mondo.

Date le recenti disposizioni in materia di contenimento del contagio da Coronavirus, abbiamo deciso di chiedere ai dellarabbia di suggerirci 5 film per combattere la noia (e la solitudine) da coprifuoco serale. Ecco i loro consigli.

5 film consigliati dai dellarabbia

#1 Forrest Gump (Robert Zemeckis, 1994)

Non potevamo non iniziare con questo capolavoro in cui Tom Hanks racconta seduto su una panchina una storia americana che ci ha segnati e a cui abbiamo dedicato un brano. Due ore di emozione pura che consigliamo di vedere e rivedere.

#2 Her (Spike Jonze, 2014)

Un futuro distopico in cui le persone hanno rapporti amorosi con i propri supporti mobili. È possibile innamorarsi di un sistema operativo? Una storia assurda diretta da Spike Jonze, piena di riflessioni sul presente e sul nostro rapporto con noi stessi, la tecnologia e con gli altri. 

#3 Jack Frusciante è uscito dal gruppo (Enza Negroni, 1996)

Questa storia adolescenziale italiana basata su un libro stupendo di Brizzi, in cui i protagonisti suonano e si innamorano, è un po’ la storia di ognuno di noi. Colonna sonora incredibile, utile per conoscere alcune delle band seminali della scena alternative italiana.

#4 Rain man – L’uomo della pioggia (Barry Levinson, 1988)

Supercapolavoro degli anni ‘80 che andrebbe fatto vedere a scuola. Oltre a raccontare per primo un punto di vista diverso sull’autismo, è una storia emozionante in cui l’egoismo individuale viene soffocato da un rapporto fraterno unico e memorabile. 

#5 Se mi lasci ti cancello (Michel Gondry, 2004)

Il titolo non rende bene l’idea della geniale trovata narrativa di questo filmone con Jim Carrey. Un film sul nostro rapporto con l’amore e con i ricordi. Capolavoro assoluto che non stanca mai, da vedere e rivedere nuovamente se già visto. 

Chi sono i dellarabbia

dellarabbia è più di una semplice band o di un progetto, è quello che in altri tempi si sarebbe chiamato “collettivo musicale”. Nasce dalla collaborazione tra il cantautore Marco De Vincentiis e l’autore e compositore Americo Roma, il polistrumentista ed orchestrale Adamo Fratarcangeli, il produttore Federico Garofali, Piergiorgio Tiberia e Paolo Notarsanti, rispettivamente batteria, chitarra e basso della storica rock band The Anthem. Nonostante si tratti di un progetto esordiente, raccoglie una lunga gavetta musicale dalle esperienze di tutti i componenti.

Marco è stato per anni la voce dei Me For Rent, rock band con all’attivo tre album e alle spalle tour europei, festival come il Rock in Idro, il Popkomm o l’Acqua in Testa di Bari, aperture a The Hives, The Get Up Kids, Against me e molti altri artisti internazionali e centinaia di live in tutta Europa. Tre quinti della formazione suona anche nei The Anthem, che hanno alle spalle tre album e molti tour in Europa, Russia e Giappone.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime uscite dell’indie italiano segui la nostra playlist su Spotify.

La redazione
Gli articoli a cura della nostra redazione.

Popolari

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Chi è Maggio, la nuova promessa di Asian Fake

Dal roster di Asian Fake nasce Maggio, un cantautore da tenere d'occhio per gusto, sound e capacità di introspezione.

Walkman #3 – Lena A.

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Oggi con la giovane cantautrice Lena A.

recenti

“Il nome della rosa” e il Postmoderno: ma ne siamo davvero usciti?

Il romanzo di Eco è un capolavoro della contemporaneità e ce ne disvela il carattere ibrido, labirintico, citazionista e senza centro.

Il disco d’esordio di Vipera è pura poesia

Dal roster di Dischi Sotterranei una nuova proposta tanto indecifrabile quanto ammaliante: "Tentativo di Volo" è l'ep d'esordio di Vipera.

Dove nascono le idee – A casa di Henna

Per la rubrica "Dove nascono le idee" siamo stati a Milano, zona Porta Venezia, a casa della cantautrice italiana Henna.

altro di ulai

Walkman #2 – Sacramento

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Il protagonista di oggi è Sacramento.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Food Art non è fotografare una torta (nemmeno se sei Iginio Massari)

Breve storia della raffigurazione del cibo nell'arte dall'antichità all'era digitale.

Chiedetelo a un insegnante: la formazione a distanza

Come ogni aspetto della nostra vita in quarantena, anche l’apprendimento diventa digitale, mobile e social. Le piattaforme di e-learning sfruttano le potenzialità del web per rendere possibile l’insegnamento a distanza: l’idea è ottima ma non esente da limiti.

Rise Above Dead: “I nostri pezzi sono il frutto di lunghe e fumose serate in sala prove”

Dopo lo stop obbligato degli scorsi mesi, Tutto Il Nostro Sangue, riparte e inaugura...