Dove nascono le idee – A casa di Calvino

Dove nascono le idee – A casa di Calvino

Una pianta di limone, una balalaika e un poster dei Blues Brothers. "Astronave Madre" è il nuovo album di Calvino ed è nato proprio qui. Foto inedite di Simone Pezzolati.

Città Studi a Milano. Siamo stati a casa di Niccolò Lavelli, leader del progetto Calvino, con la sua band. C’è il Covid e il silenzio tutto intorno, la casa è piena di libri, un pianoforte verticale in mezzo alla stanza, un proiettore, e una pianta di limone sul balcone: «un tentativo di far crescere una speranza alla luce del sole del lockdown e nonostante lo sferragliare dei tram sotto di lui. In ogni caso, nelle varie case che ho abitato solo due sono stati gli elementi fissi e irrinunciabili: il pianoforte verticale che mi regalarono quando avevo 9 anni e la libreria. Sono entrambi delle medicine contro ogni possibile male, anche quelli più terribili.»

Qui dentro è nato gran parte di Astronave Madre, il nuovo disco di Calvino che torna sulle scene musicali dopo diversi anni di assenza. Un vero e proprio filtro sulla realtà, soprattutto in questo periodo complicato, la descrizione di un mondo accogliente che percepiamo subito casa. Un disco che parla di casa, semplicemente. L’Astronave Madre è quell’angolo di cosmo, al termine di un infinito viaggio interstellare, dove possiamo sentirci finalmente casa. Una sensazione a cui aspirare, che prescinde ogni luogo e tempo.

Sul balcone, c’è anche una bicicletta: «Un ricordo di mio nonno: una vecchia bici da corsa Torpado. L’ho scovata in un angolo del box e mi ha accompagnato per tutti i miei anni universitari e oltre.» E in giro troviamo anche uno strano strumento triangolare: «una balalaika che mio padre comprò in Russia in occasione delle Olimpiadi di Mosca ’80. Credo si trovasse lì con una delegazione del PCI di Baggio».

Quello di Calvino è un progetto stratificato e pieno di influenze, e dentro questa casa si respirano tutte le influenze di cui è composto, complici anche Tommaso Spinelli (basso) e Marco Giacomini (chitarra) che scorrazzano in giro come se fosse anche casa loro. 

E c’è infine anche un poster dei Blues Brothers: «Il mio film preferito di sempre. Da piccolo potevo passare pomeriggi interi a guardarlo per poi riavvolgere il nastro e iniziare da capo. La scena di Ray Charles che suona il Piano Rhodes mi ha folgorato e mi ha fatto chiedere a mia madre di aiutarmi a trovare qualcuno che mi insegnasse a suonare quello strumento.»

calvino-band-città-studi-milano

Leggi anche: Dove nascono le idee – A casa di Giorgio Ciccarelli

I 10 migliori film del 2021

Da Sorrentino a Vinterberg, da Woody Allen a Jane Campion: i 10 migliori film del 2021 secondo la redazione di Ulai. Tutto il resto è noia.

L’erotismo irriverente nella fotografia di Emanuele Ferrari

Emanuele Ferrari fa parte della top 100 dei fotografi internazionali più influenti sul web...

Takeaway, quattro chiacchiere sul nuovo film di Renzo Carbonera

Con il film Takeaway, Renzo Carbonera porta al cinema una lucida riflessione sullo sport e sui compromessi per vincere.

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

Leggi anche

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

Walkman – Scelti da Lena A.

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Oggi con la giovane cantautrice Lena A.

Solo gli artisti sopravvivono – Ascolta il podcast con Camilla Cattabriga

Dai ritratti all'amica Matilda De Angelis all'amore per la fotografia analogica, Camilla Cattabriga si racconta in un nuovo toccante podcast.

Arte emergente: per Alice e Ahad nulla è più ricco della polvere

Alice Mestriner e Ahad Moslemi si interrogano sui concetti di tempo, identità e linguaggio, tra installazione, performance e arte concettuale.

“Venere in pelliccia”: un viaggio introspettivo nel sadomasochismo

Non solo "50 Sfumature di Grigio": un esempio di maestria registica i cui cardini girano attorno alla vendetta femminile e al rovesciamento dei ruoli, conditi dalla frizzante ironia tipicamente polanskiana.