Dove nascono le idee – A casa di Calvino

Dove nascono le idee – A casa di Calvino

Una pianta di limone, una balalaika e un poster dei Blues Brothers. "Astronave Madre" è il nuovo album di Calvino ed è nato proprio qui. Foto inedite di Simone Pezzolati.

Una pianta di limone, una balalaika e un poster dei Blues Brothers. "Astronave Madre" è il nuovo album di Calvino ed è nato proprio qui. Foto inedite di Simone Pezzolati.

Città Studi a Milano. Siamo stati a casa di Niccolò Lavelli, leader del progetto Calvino, con la sua band. C’è il Covid e il silenzio tutto intorno, la casa è piena di libri, un pianoforte verticale in mezzo alla stanza, un proiettore, e una pianta di limone sul balcone: «un tentativo di far crescere una speranza alla luce del sole del lockdown e nonostante lo sferragliare dei tram sotto di lui. In ogni caso, nelle varie case che ho abitato solo due sono stati gli elementi fissi e irrinunciabili: il pianoforte verticale che mi regalarono quando avevo 9 anni e la libreria. Sono entrambi delle medicine contro ogni possibile male, anche quelli più terribili.»

Qui dentro è nato gran parte di Astronave Madre, il nuovo disco di Calvino che torna sulle scene musicali dopo diversi anni di assenza. Un vero e proprio filtro sulla realtà, soprattutto in questo periodo complicato, la descrizione di un mondo accogliente che percepiamo subito casa. Un disco che parla di casa, semplicemente. L’Astronave Madre è quell’angolo di cosmo, al termine di un infinito viaggio interstellare, dove possiamo sentirci finalmente casa. Una sensazione a cui aspirare, che prescinde ogni luogo e tempo.

Sul balcone, c’è anche una bicicletta: «Un ricordo di mio nonno: una vecchia bici da corsa Torpado. L’ho scovata in un angolo del box e mi ha accompagnato per tutti i miei anni universitari e oltre.» E in giro troviamo anche uno strano strumento triangolare: «una balalaika che mio padre comprò in Russia in occasione delle Olimpiadi di Mosca ’80. Credo si trovasse lì con una delegazione del PCI di Baggio».

Quello di Calvino è un progetto stratificato e pieno di influenze, e dentro questa casa si respirano tutte le influenze di cui è composto, complici anche Tommaso Spinelli (basso) e Marco Giacomini (chitarra) che scorrazzano in giro come se fosse anche casa loro. 

E c’è infine anche un poster dei Blues Brothers: «Il mio film preferito di sempre. Da piccolo potevo passare pomeriggi interi a guardarlo per poi riavvolgere il nastro e iniziare da capo. La scena di Ray Charles che suona il Piano Rhodes mi ha folgorato e mi ha fatto chiedere a mia madre di aiutarmi a trovare qualcuno che mi insegnasse a suonare quello strumento.»

calvino-band-città-studi-milano

Leggi anche: Dove nascono le idee – A casa di Giorgio Ciccarelli

Articoli Recenti

Altre Storie

Sui reportage intimisti di Mirko De Pasquale

Un'interpretazione fuori dagli schemi, intimista e multi-etnica, della fotografia di ritratto.

Il fascino discreto del quarto stato

Assunto come quadro-simbolo del 1° maggio, Il quarto stato invade le bacheche social e influenza il cinema, con un po' meno forza simbolica di un tempo, ma meglio di niente.

Vespro: «sono uno stronzo vestito da bravo ragazzo, vestito da stronzo»

Fuori per Kumomi, la nuova realtà urban milanese, il nuovo singolo del cantautore napoletano classe 1996 Vespro, dal titolo "Agave".

L’esordio esplosivo di Tanca e la sua crew in “Words of Dogtwon”

L'amore per lo skate, il collettivo Klen Sheet e un disco rap dall'attitudine punk. Quello di Tanca è un esordio col botto.