Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Guarda l'intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).

In questa puntata di Ulai Talks diamo spazio al punto di vista dei live club e dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività culturali e produttive causato dalla pandemia. Abbiamo parlato con Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour, live club torinese che vanta 35 anni di attività con una media di quattro concerti ogni settimana e un incredibile varietà di artisti italiani e internazionali. 

Fabrizio è una persona che parla in maniera diretta andando senza reticenze direttamente al cuore delle questioni. Fin dall’inizio di questa intervista ci tiene a ribadire le motivazioni che muovono una realtà come l’Hiroshima. La prima cosa che viene messa in discussione è l’approccio forse un po’ riduttivo che hanno avuto le istituzioni verso il mondo della musica e della cultura, che si riassume nella non felicissima frase dell’ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nel suo celebre discorso sul Decreto Rilancio: «Abbiamo un occhio di attenzione per i nostri artisti che ci fanno tanto divertire».

La frase è suonata a molti come una riduzione dell’artista a mero intrattenitore, un ruolo accessorio, la vecchia figura del giullare, sminuente e umiliante. Su questo però ci siamo anche interrogati per capire se non ci sia una nostra incapacità nel comunicare il valore del lavoro svolto dagli artisti. Abbiamo parlato di come vivere l’eccezionalità di questo anno di pandemia e di come trovare dei modi per tornare gradualmente a una normalità. Abbiamo scoperto insieme come partendo da fare il docente di critica pittorica si può arrivare a programmare un concerto degli Einstürzende Neubauten o di Vinicio Capossela con Marc Ribot e Shan MacGowan.

Guarda su YouTube la nostra intervista a Hiroshima Mon Amour di Torino: iscriviti al canale.

Leggi anche: 25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

Paolo Crivellin
Soundesigner nightswimmer. Storyteller daydreamer.

Popolari

Il disco d’esordio di Vipera è pura poesia

Dal roster di Dischi Sotterranei una nuova proposta tanto indecifrabile quanto ammaliante: "Tentativo di Volo" è l'ep d'esordio di Vipera.

Francesco Savini: «Maratoneti è nata come una nota sul cellulare»

L'epifania su una generazione di " nati stanchi".

Intervista ai Booda: da X Factor 13 al ritorno live, in attesa del nuovo singolo

5 domande per il trio più esplosivo di X Factor: «Avevamo le idee molto chiare rispetto al sound che volevamo proporre.»

recenti

“Il nome della rosa” e il Postmoderno: ma ne siamo davvero usciti?

Il romanzo di Eco è un capolavoro della contemporaneità e ce ne disvela il carattere ibrido, labirintico, citazionista e senza centro.

Il disco d’esordio di Vipera è pura poesia

Dal roster di Dischi Sotterranei una nuova proposta tanto indecifrabile quanto ammaliante: "Tentativo di Volo" è l'ep d'esordio di Vipera.

Dove nascono le idee – A casa di Henna

Per la rubrica "Dove nascono le idee" siamo stati a Milano, zona Porta Venezia, a casa della cantautrice italiana Henna.

altro di ulai

Dove nascono le idee – A casa di Nove

È di recente uscita "Saturno", l'EP di debutto della cantautrice Nove e per l'occasione siamo andati a curiosare a casa sua a Milano.

Billie Eilish contro il body shaming: il video che tutti dovremmo guardare

Nel video-manifesto Not my responsibility, Billie Eilish attacca haters e body shamers, confermando la propria posizione contro gli stereotipi di genere.

Codacons vs Ferragni: cronache di un paese proiettato nel passato

La Ferragni come la Madonna: «squallida provocazione» o libertà artistica?

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

Studio Ghibli: quando l’animazione incontra la poesia

Per una meritata pausa dal reale, c’è il cinema d’animazione giapponese firmato studio Ghibli-Hayao Miyazaki.