Il Geometra: la band di culto torna con un nuovo brano e si racconta

Novità dalla scena indipendente umbra: il nuovo singolo di Il Geometra tratteggia la storia di tre madri, tra il sacro e il profano.

Il Geometra torna con Per tutte le madri a distanza di 6 anni dall’album Ultimi e a 7 anni esatti da Marie Curie, singolo d’esordio che ha lanciato il terzetto umbro come realtà di culto nella scena cantautorale indipendente. Il brano è un “acquarello” che attraverso semplici ma profonde suggestioni racconta la storia di tre madri.

La madre di Cristo, la madre di un partigiano (o qualsiasi militare, non fa differenza) e la madre di un ragazzo morto nelle mani delle forze dell’ordine, all’esito di un abuso di potere. Al netto delle differenze evidentemente correnti tra gli scenari descritti, resta l’amore incondizionato – più forte della morte – che unisce visceralmente ogni figlio al ventre che lo ha generato.

Da dove nasce il nome della vostra band?

Scriviamo e suoniamo musica molto italiana (che questo sia un bene o un male non siamo noi a deciderlo ovviamente) e riteniamo che non esista nel nostro Paese una figura più “italiana” del geometra. In buona sostanza, eravamo e siamo convinti di descrivere un campo semantico molto preciso, nonostante nessuno di noi tre sia un geometra.

Quali sono i vostri riferimenti comuni a livello musicale? 

Sicuramente i cantautori italiani degli anni ’70 rappresentano un retroterra comune. Questo vale sia per i “padri nobili” della nostra canzone d’autore, sia per quei musicisti che ingiustamente non si posizionano nell’Olimpo della cantautorato italiano. Uno su tutti Ron, che – ci teniamo a sottolinearlo – è stato un riferimento molto forte nelle ultime cose che abbiamo scritto.

Perchè avete scritto Per tutte le madri?

Si tratta di un brano molto intimo che descrive degli scenari apparentemente differenti. Lo scopo, almeno tentato, era mettere a fuoco come il ventre materno – tanto quello di Maria, quanto quello della madre di un delinquente – resti inesorabilmente e dolorosamente connesso alla vita del proprio figlio.

Quali sono i temi che vi piace affrontare attraverso la musica?

Crediamo che un certo senso di inquietudine ci caratterizzi molto. Siamo tre persone piuttosto ordinarie, con una routine di vita definita. Eppure abbiamo sempre accettato con fatica che la vita potesse risolversi nelle miserabili soddisfazioni della quotidianità. Ora, se questo modo di pensare (e di agire) spesso rappresenta uno sprono nel migliorare, nella maggior parte dei casi porta con sé una significativa dose di frustrazione. Pensiamo che questo emerga molto chiaramente in ciò che scriviamo.

Come nascono le vostre sonorità: prima o dopo i testi? 

Di solito è qualcosa che si sviluppa contestualmente. C’è sempre una cellula testuale che si abbina ad un’altra cellula musicale. Da quel momento si apre un flusso che conduce al prodotto finale.

Cosa fate nella vita di tutti i giorni?

Io (Jacopo) sono un avvocato che si occupa di appalti pubblici. Lorenzo si occupa di digital marketing, mentre Francesco è un imprenditore. Come sia possibile che tre profili simili scrivano canzoni resta un mistero.

Descrivetevi con una frase presa dalle vostre canzoni. 

“La vita è un tutto sommato”, che era anche il titolo del nostro EP del 2014.

Leggi anche: Intervista a I Segreti: pop riflessivo per raccontare una generazione

La redazione
Gli articoli a cura della nostra redazione.

Popolari

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

15 brani consigliati da 15 artisti per la Giornata Mondiale del Vento

Da consumarsi preferibilmente cantando a squarciagola in macchina.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Solo gli artisti sopravvivono: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Walkman #4 – My Girl Is Retro

In uscita con il nuovo singolo "Corallo", My Girl Is Retro compone per noi una playlist avvolgente e riflessiva, come la sua musica.

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

La filosofia del ramo: l’arte di Iside Calcagnile in un nuovo podcast

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.