Il nu-soul di Disarmo dà voce alle sfumature del desiderio

Il nu-soul di Disarmo dà voce alle sfumature del desiderio

Mood introspettivo e melodie raffinate e coinvolgenti: l'esordio di Disarmo ha già un respiro internazionale.

In Anima è l’album di debutto Disarmo, il progetto tra RnB e nu-soul di Claudio Luisi, con il pedigree di uno studio iconico come quello bolognese. L’esperienza di Disarmo non è da poco. Ispirato polistrumentista è un autore e compositore estremamente preparato e capace di dar vita a melodie raffinate e coinvolgenti. I progetti a cui si è dedicato lo hanno portato a esibirsi più volte nel prestigioso teatro Ariston, anche come finalista per Sanremo Giovani, e a calcare diversi palchi, tra i quali spicca l’apertura a Vasco Rossi al Modena Park nel 2017. E aprire il concerto di Vasco non è da tutti.

Leggi anche: La Milano di Lorenzo Vizzini è quella in cui tutti vorremmo tornare

Cosa ti ha spinto ad intraprendere lo studio della musica e ad iscriverti al Conservatorio?

In realtà quella del conservatorio non è stata una mia scelta, avevo solo 7 anni e i miei genitori scelsero per me quel percorso dal momento che in casa non smettevo un attimo di far baccano con strumenti giocattolo e non.

3 artisti che hanno influenzato il tuo percorso musicale.

Jeff Buckley, Lauryn Hill, James Blake.

Come ricordi l’esperienza sanremese? 

Eravamo una band di età compresa tra i 18 e i 20 anni, in giro per alberghi e studi televisivi, quindi senz’altro molto divertente.

Se dovessi scegliere un solo strumento da suonare per tutta la vita quale sceglieresti?

Pianoforte (almeno mezza coda).

Il 30 marzo è uscito il tuo nuovo album In anima. Qual è a tuo parere il filo rosso che accomuna i diversi brani?

Il desiderio… di evasione, di sentimenti fuori controllo, di contatto.

Qual è il brano all’interno dell’album a cui ti senti più legato?

Macerie, che è il pezzo con cui si apre l’album. È il racconto di un incontro improvviso, che solleva dalle macerie di sogni andati in frantumi. È un ottimo manifesto di tutto il disco.

Cosa fa Claudio quando non è Disarmo?

Faccio un lavoro che accomuna la mia passione per i motori e che mi porta in giro per tutta Italia, quindi sto viaggiando molto nonostante il “periodo”.

Più musica sul nostro profilo Spotify.

I 10 migliori film del 2021

Da Sorrentino a Vinterberg, da Woody Allen a Jane Campion: i 10 migliori film del 2021 secondo la redazione di Ulai. Tutto il resto è noia.

L’erotismo irriverente nella fotografia di Emanuele Ferrari

Emanuele Ferrari fa parte della top 100 dei fotografi internazionali più influenti sul web...

Takeaway, quattro chiacchiere sul nuovo film di Renzo Carbonera

Con il film Takeaway, Renzo Carbonera porta al cinema una lucida riflessione sullo sport e sui compromessi per vincere.

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

Leggi anche

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

Walkman – Scelti da Lena A.

Walkman è la playlist che ti fa conoscere i migliori artisti dell'indie italiano e le loro influenze. Oggi con la giovane cantautrice Lena A.

Solo gli artisti sopravvivono – Ascolta il podcast con Camilla Cattabriga

Dai ritratti all'amica Matilda De Angelis all'amore per la fotografia analogica, Camilla Cattabriga si racconta in un nuovo toccante podcast.

Arte emergente: per Alice e Ahad nulla è più ricco della polvere

Alice Mestriner e Ahad Moslemi si interrogano sui concetti di tempo, identità e linguaggio, tra installazione, performance e arte concettuale.

“Venere in pelliccia”: un viaggio introspettivo nel sadomasochismo

Non solo "50 Sfumature di Grigio": un esempio di maestria registica i cui cardini girano attorno alla vendetta femminile e al rovesciamento dei ruoli, conditi dalla frizzante ironia tipicamente polanskiana.