Intervista ai Booda: da X Factor 13 al ritorno live, in attesa del nuovo singolo

Intervista ai Booda: da X Factor 13 al ritorno live, in attesa del nuovo singolo

5 domande per il trio più esplosivo di X Factor: «Avevamo le idee molto chiare rispetto al sound che volevamo proporre.»

Federica Buda (voce), Martina Bertini (basso) e Alessio Sbarzella (batteria-producer) sono i Booda: il power trio che ha conquistato pubblico e giudici nell’ultima edizione di X Factor con un sound accattivante ed esplosivo. Il loro primo inedito Elefante, realizzato all’interno del programma in onda su Sky1, ha superato 1 milione di stream su Spotify.

Federica Buda, siracusana di nascita, romana d’adozione, si è diplomata in canto, danza e recitazione presso lo Ials di Roma. Ha calcato alcuni fra i più prestigiosi palcoscenici teatrali italiani con spettacoli come Footloose, Siddharta, Queen at the Opera e ha interpretato Gelida al fianco di Lorella Cuccarini ne La Regina di ghiaccio. Ha precedentemente partecipato, classificandosi semifinalista, ai programmi televisivi The Voice of Italy e Forte Forte Forte.

Martina Bertini ha iniziato a studiare basso elettrico a 13 anni tra scuole di musica e Conservatorio. Negli anni ha collaborato live, in studio e come arrangiatrice con tantissimi artisti del panorama italiano e non, spaziando dal pop al rock alla musica africana e calcando alcuni dei palchi più importanti in Italia e in Europa.

Alessio Sbarzella è un batterista, music producer e sound designer che spazia dalla classica al rock, dal teatro multimediale alla musica elettronica dal vivo. Nella sua lunga esperienza si è occupato di produzioni musicali in studio e dal vivo, live performance acustiche ed elettroniche, workshop musicali.

Federica, Alessio e Martina sono attualmente in studio per la realizzazione del loro primo album, anticipato da un singolo di prossima uscita. Li abbiamo intervistati per conoscerli meglio e sapere qualcosa di più di questa nuova partenza live.

Come nascono i Booda e qual’è il vostro background?

Federica: I Booda nascono grazie all’incontro di noi tre tramite dei colleghi in comune ed è nato subito l’amore.

Martina: Il nostro background invece è la somma dei background di tutti e tre: Federica con le sue influenze più R’n’B, io con delle influenze più black / afro, Alessio con delle influenze più tecno / elettroniche, che sommate insieme hanno creato il nostro sound.

Quanto ha influito la partecipazione a X Factor nel vostro percorso artistico?

Alessio: A livello artistico ha influito molto poco, anche perchè noi siamo arrivati fin dalle prime fasi del programma con i Booda. Avevamo le idee molto chiare rispetto al sound che volevamo proporre. Più che un’influenza è stato un arricchimento, visti i numerosi feedback che abbiamo ricevuto durante tutte le fasi del programma.

Com’è stato il vostro rapporto con Samuel e in che modo vi ha aiutati nella costruzione del vostro primo singolo Elefante

Federica: Con Samuel abbiamo subito instaurato un rapporto quasi fraterno, di amicizia. Abbiamo parlato tanto di musica, del nostro essere artisti. È stato un mentore, un fratello più grande diciamo così.

Martina: Per il singolo ci ha aiutato proprio a livello pratico, h24. Ci siamo chiusi in studio una giornata intera fino alle 3 di notte a scrivere insieme.

Federica: Elefante infatti porta la firma di Samuel, Alessandro Bavo e Davide Napoleone.

Come definireste il vostro stile musicale?

Federica: Il nostro stile musica, il cosiddetto “Booda sound”, è la somma di tutte le nostre influenze artistiche.

Martina: Ci muoviamo in un mondo urban cercando di esplorarlo il più ampiamente possibile, nella “giungla urbana”.

A cosa state lavorando attualmente?

Federica: Stiamo aspettando che questo periodo un pò particolare passi in fretta perchè abbiamo tanto lavoro da fare, tantissima voglia di lavorare e di tornare su un palco, anzi, su mille palchi! Abbiamo un sacco di voglia di far uscire la nostra nuova musica, quindi incrociamo le dita.

I 10 migliori film del 2021

Da Sorrentino a Vinterberg, da Woody Allen a Jane Campion: i 10 migliori film del 2021 secondo la redazione di Ulai. Tutto il resto è noia.

L’erotismo irriverente nella fotografia di Emanuele Ferrari

Emanuele Ferrari fa parte della top 100 dei fotografi internazionali più influenti sul web...

Takeaway, quattro chiacchiere sul nuovo film di Renzo Carbonera

Con il film Takeaway, Renzo Carbonera porta al cinema una lucida riflessione sullo sport e sui compromessi per vincere.

La nostra intervista alla cantautrice Jamila

"Frammenti" (prod. Ferramenta Dischi) è l'album di debutto sfrontate e sincero della cantautrice italo-algerina Jamila.

La fotografia di Caterina Notte riscrive il concetto di fragilità femminile

Caterina Notte indaga la complessità della figura femminile e la dinamica fluttuante tra vittima e predatore.

La musica del mese #2

Le migliori uscite discografiche indipendenti di questo mese: Giuse The Lizia, Kaufman, caspio, Jesse The Faccio, Riva, Anna Bassy.

Leggi anche

5 domande per Adelasia: «i miei testi sono al 99,9% autobiografici»

Meglio soli è il nuovo singolo di Adelasia fuori da venerdì 11 settembre per...

Crypto art: l’arte del mercato

NFTs, criptovalute, blockchain: un futuro radioso per gli artisti o un’innovativa forma di speculazione?

Il fascino discreto del quarto stato

Assunto come quadro-simbolo del 1° maggio, Il quarto stato invade le bacheche social e influenza il cinema, con un po' meno forza simbolica di un tempo, ma meglio di niente.

Stefano Bruno: «Mi sono riavvicinato alla musica perché mi piaceva una ragazza»

Fuori dal 29 settembre, "Per le strade del cielo", il disco di debutto del cantautore milanese Stefano Bruno, classe 1990.

La sospensione dell’esistenza post-pandemia in foto

Quella di Andrea Passon è un esempio di fotografia contemporanea, onirica e inafferrabile, sebbene strettamente legata al nostro presente.

Raffaella Carrà, le più belle illustrazioni su Instagram

Da showgirl a icona pop di libertà e anticonformismo: anche gli illustratori italiani rendono omaggio a Raffaella Carrà.