Intervista ai Booda: da X Factor 13 al ritorno live, in attesa del nuovo singolo

5 domande per il trio più esplosivo di X Factor: «Avevamo le idee molto chiare rispetto al sound che volevamo proporre.»

Federica Buda (voce), Martina Bertini (basso) e Alessio Sbarzella (batteria-producer) sono i Booda: il power trio che ha conquistato pubblico e giudici nell’ultima edizione di X Factor con un sound accattivante ed esplosivo. Il loro primo inedito Elefante, realizzato all’interno del programma in onda su Sky1, ha superato 1 milione di stream su Spotify.

Federica Buda, siracusana di nascita, romana d’adozione, si è diplomata in canto, danza e recitazione presso lo Ials di Roma. Ha calcato alcuni fra i più prestigiosi palcoscenici teatrali italiani con spettacoli come Footloose, Siddharta, Queen at the Opera e ha interpretato Gelida al fianco di Lorella Cuccarini ne La Regina di ghiaccio. Ha precedentemente partecipato, classificandosi semifinalista, ai programmi televisivi The Voice of Italy e Forte Forte Forte.

Martina Bertini ha iniziato a studiare basso elettrico a 13 anni tra scuole di musica e Conservatorio. Negli anni ha collaborato live, in studio e come arrangiatrice con tantissimi artisti del panorama italiano e non, spaziando dal pop al rock alla musica africana e calcando alcuni dei palchi più importanti in Italia e in Europa.

Alessio Sbarzella è un batterista, music producer e sound designer che spazia dalla classica al rock, dal teatro multimediale alla musica elettronica dal vivo. Nella sua lunga esperienza si è occupato di produzioni musicali in studio e dal vivo, live performance acustiche ed elettroniche, workshop musicali.

Federica, Alessio e Martina sono attualmente in studio per la realizzazione del loro primo album, anticipato da un singolo di prossima uscita. Li abbiamo intervistati per conoscerli meglio e sapere qualcosa di più di questa nuova partenza live.

Come nascono i Booda e qual’è il vostro background?

Federica: I Booda nascono grazie all’incontro di noi tre tramite dei colleghi in comune ed è nato subito l’amore.

Martina: Il nostro background invece è la somma dei background di tutti e tre: Federica con le sue influenze più R’n’B, io con delle influenze più black / afro, Alessio con delle influenze più tecno / elettroniche, che sommate insieme hanno creato il nostro sound.

Quanto ha influito la partecipazione a X Factor nel vostro percorso artistico?

Alessio: A livello artistico ha influito molto poco, anche perchè noi siamo arrivati fin dalle prime fasi del programma con i Booda. Avevamo le idee molto chiare rispetto al sound che volevamo proporre. Più che un’influenza è stato un arricchimento, visti i numerosi feedback che abbiamo ricevuto durante tutte le fasi del programma.

Com’è stato il vostro rapporto con Samuel e in che modo vi ha aiutati nella costruzione del vostro primo singolo Elefante

Federica: Con Samuel abbiamo subito instaurato un rapporto quasi fraterno, di amicizia. Abbiamo parlato tanto di musica, del nostro essere artisti. È stato un mentore, un fratello più grande diciamo così.

Martina: Per il singolo ci ha aiutato proprio a livello pratico, h24. Ci siamo chiusi in studio una giornata intera fino alle 3 di notte a scrivere insieme.

Federica: Elefante infatti porta la firma di Samuel, Alessandro Bavo e Davide Napoleone.

Come definireste il vostro stile musicale?

Federica: Il nostro stile musica, il cosiddetto “Booda sound”, è la somma di tutte le nostre influenze artistiche.

Martina: Ci muoviamo in un mondo urban cercando di esplorarlo il più ampiamente possibile, nella “giungla urbana”.

A cosa state lavorando attualmente?

Federica: Stiamo aspettando che questo periodo un pò particolare passi in fretta perchè abbiamo tanto lavoro da fare, tantissima voglia di lavorare e di tornare su un palco, anzi, su mille palchi! Abbiamo un sacco di voglia di far uscire la nostra nuova musica, quindi incrociamo le dita.

La redazione
Gli articoli a cura della nostra redazione.

Popolari

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

Intervista a Kristian Marr, autore di “So Strange” ft. Amy Winehouse

Interamente musicato e scritto da Marr, "So Strange" è stato registrato con Amy Winehouse, poco prima della prematura scomparsa.

Dove nascono le idee – A casa di Henna

Per la rubrica "Dove nascono le idee" siamo stati a Milano, zona Porta Venezia, a casa della cantautrice italiana Henna.

recenti

“Il nome della rosa” e il Postmoderno: ma ne siamo davvero usciti?

Il romanzo di Eco è un capolavoro della contemporaneità e ce ne disvela il carattere ibrido, labirintico, citazionista e senza centro.

Il disco d’esordio di Vipera è pura poesia

Dal roster di Dischi Sotterranei una nuova proposta tanto indecifrabile quanto ammaliante: "Tentativo di Volo" è l'ep d'esordio di Vipera.

Dove nascono le idee – A casa di Henna

Per la rubrica "Dove nascono le idee" siamo stati a Milano, zona Porta Venezia, a casa della cantautrice italiana Henna.

altro di ulai

Dove nascono le idee – A casa di Ponee

Continua la rubrica "Dove nascono le idee" con interviste e racconti in foto a casa degli artisti. Restiamo a Milano e incontriamo Ponee.

Le mascherine personalizzate sono già un fenomeno globale

Da elementi funzionali a accessori identitari, le mascherine personalizzate sono una delle tante risposte alla crisi del settore tessile post-Covid.

“Tutte le voci nella mia testa”: le illustrazioni di Valentina Merzi

«Chi mi conosce personalmente sa quanto io sia composta al 50% da scrittrici e pensatrici e per il restante 50% da principesse e sirenette.»

Davide Degano: fotografare il locale che sopravvive alla globalizzazione

Storie personali e collettive, oltre la superficie del fotogiornalismo.

5 album da ascoltare almeno una volta nella vita secondo Piro

"Eroi del 2020" è l'album di debutto di Piro. Per l'occasione ci consiglia 5 album da ascoltare almeno una volta nella vita.