Nasce Dirt Tapes, l’etichetta che produce solo musicasette

Dalla passione per l'analogico, nasce la prima etichetta discografica in Italia che produce musicassette originali con macchinari propri.

Dirt Tapes è la prima etichetta in Italia che produce musicassette originali con macchinari propri, affiancando gli artisti nella realizzazione della cassetta più adatta a rappresentare la propria musica. La caratterizzano l’uso di macchinari professionali di alta qualità e una grande cura per tutti i dettagli estetici del prodotto, che seguono un lavoro grafico minuzioso e attento.

L’idea dietro Dirt Tapes è semplice: far uscire in cassetta album di ieri, oggi (e domani) senza barriere di genere e di nazionalità. l’unica regola è il rispecchiare i gusti singoli e comuni delle persone coinvolte in questa avventura.

I fondatori di Dirt Tapes

Forte di questa idea, Dirt Tapes annuncia i primi 3 album scelti e riproposti nella speciale versione audiocassetta: La seconda rivoluzione sessuale dei Tre allegri ragazzi morti, Vita e opinioni di Nello Scarpellini Gentiluomo degli Zen Circus e Auff del Management. Disponibili in pre-order dal 23 settembre su www.dirttapes.com, le tre opere, realizzate in edizione limitata su cassetta di sole 250 copie, saranno in vendita dal 15 ottobre in una selezione di piccoli negozi di dischi della penisola. 

Un oggetto pensato per gli appassionati, i collezionisti, ma anche per chiunque voglia rendere ancora tangibile l’esperienza dell’ascolto. Un ritorno all’analogico e al contatto diretto con il supporto fisico, senza abbandonare mai la modernità: all’interno del booklet di queste nuove audiocassette è presente, infatti, un QR code con cui ascoltare l’album anche in versione streaming. 

Speriamo di cuore che vi arrivi la passione e l’amore che abbiamo messo dentro queste cassette. quando abbiamo infilato le prime copie sfornate dalla Tapematic dentro il mangianastri l’emozione nell’ascoltarle è stata fortissima. Dirt Tapes non è una guerra alla musica in formato digitale (nel booklet c’è un qr code con cui ascoltare l’album anche in versione “liquida”). per noi il legame con il supporto fisico è ancora qualcosa di imprescindibile, come per il vinile, un’altra nostra grande passione insieme alle cassette.

I fondatori di Dirt Tapes

Dirt Tapes nasce dopo 3 anni di intenso lavoro alla ricerca della strumentazione migliore e del perfezionamento delle tecniche di produzione e registrazione. I fondatori sono appassionati di musica e collezionisti dei supporti audio analogici, professionisti del settore e addetti ai lavori: Karim Qqru, musicista, produttore e membro degli Zen Circus, David Stefani, musicista e organizzatore di eventi, Max Iantorno, speaker radiofonico e booking agent, Giacomo Coveri, licensing advisor.

Leggi anche: Dove nascono le idee: nella sede di Ohimeme Records

L’etichetta produce le audiocassette con una linea completa Tapematic del 1991 totalmente composta da pezzi originali e revisionati; lo stesso modello con il quale sono state create quelle milioni di copie di tape che hanno animato e scandito la vita di generazioni attraverso walkman, stereo ed autoradio di tutto il mondo. Insomma, una vera chicca per gli appassionati.

Popolari

Il nu-soul di Disarmo dà voce alle sfumature del desiderio

Mood introspettivo e melodie raffinate e coinvolgenti: l'esordio di Disarmo ha già un respiro internazionale.

L’Avvocato dei Santi: «uso le canzoni come antidoto ai miei veleni»

Intervista a l'Avvocato dei Santi, alias Mattia Mari, cantautore e polistrumentista romano.

Ulai Talks: video-intervista agli Elephant Brain

Ulai Talks è la nuova rubrica di Ulai che racconta il nostro presente attraverso...

recenti

La bellezza eterea negli scatti di Giada Ramera

Fotografa italiana con un passato da pittrice, Giada Ramera riesce a raccontare in ogni scatto il proprio ideale di bellezza femminile.

Le illustrazioni minimal déco di Sophie Villa

Le illustrazioni di Sophie Villa regalano attimi di leggerezza reinterpretando in senso moderno le geometrie curate dell'art decò.

L’esordio esplosivo di Tanca e la sua crew in “Words of Dogtwon”

L'amore per lo skate, il collettivo Klen Sheet e un disco rap dall'attitudine punk. Quello di Tanca è un esordio col botto.

altro di ulai

Storie dalla quarantena: “Living in quarantine” di Federica Cocciro

L’incredulità della reclusione attraverso gli occhi di una fotografa milanese.
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

Ulai Talks: video-intervista ai Joe D. Palma

Ulai Talks è la nuova rubrica di Ulai che racconta il nostro presente attraverso...

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Davide Degano: fotografare il locale che sopravvive alla globalizzazione

Storie personali e collettive, oltre la superficie del fotogiornalismo.