Billie Eilish contro il body shaming: il video che tutti dovremmo guardare

Mi conosci? Mi conosci davvero? Hai opinioni sulle mie opinioni, sulla mia musica, sui miei vestiti, sul mio corpo. Alcune persone odiano ciò che indosso, altre lo lodano, qualcuno lo usa per umiliare gli altri o umiliare me.

Con queste parole, Billie Eilish esordisce in un video-messaggio conciso e potente rivolto ai suoi haters. Proiettato all’inizio del tour Where do we go?, in apertura della tappa di Miami, il video viene caricato su Youtube il 26 maggio e in poche ore ottiene migliaia di visualizzazioni. Perché ne stiamo parlando?

L’espressione body shaming, fino a qualche tempo fa, non faceva nemmeno parte della nostra lingua parlata. La derisione del corpo altrui, perchè non conforme ai canoni di bellezza più tradizionali, viene enfatizzata e portata alla luce dal web. I social media offrono agli utenti la possibilità di esprimere il proprio giudizio senza filtri e mediazioni. Non che il body shaming non esista nel mondo analogico, anzi, esiste eccome e non è un fenomeno recente. Solo che finalmente qualcuno ne parla, poiché (paradossalmente) nel virtuale la sua evidenza è inequivocabile. 

View this post on Instagram

cпасибо

A post shared by BILLIE EILISH (@billieeilish) on

Il dibattito mai chiuso

Nel potente monologo, Eilish tocca un paradosso che l’ha seguita per tutta la sua carriera. Negli ultimi due anni, lo stile della cantante (che spesso indossa pantaloni e felpe over-size) ha scatenato un vero e proprio dibattito: da un lato viene derisa per l’apparente incapacità di vestirsi come una donna; poco dopo viene pesantemente criticata per aver postato una foto in costume. In un’ intervista alla BBC Billie Eilish racconta di aver smesso da un pezzo di leggere i commenti su Instagram perchè letteralmente «le stavano rovinando la vita». Ricordiamo che la cantante ha soli 18 anni.

C’è poi chi elogia il suo stile da tomboy screditando indirettamente le donne che vogliono vestire in maniera femminile. In un’intervista a V Magazine, Billie Eilish si allontana anche da queste posizioni, dichiarando: «I commenti positivi su come mi vesto hanno questo elemento di slut-shaming. Tipo: ‘sono così felice che ti vesti come un ragazzo, in modo che le altre ragazze possano vestirsi come ragazzi, in modo che non sembrino t****e’. […] Non mi piace che ci sia questo strano nuovo modo, in cui sostenermi vuol dire insultare le ragazze che potrebbero non voler vestirsi come me».

View this post on Instagram

thank you for the award @variety 🤎

A post shared by BILLIE EILISH (@billieeilish) on

Billie si è così scagliata contro le connotazioni negative e sessiste che contraddistinguono le opinioni su di lei e sulle donne in generale, confermano quanto nella società attuale, gli stereotipi di genere siano ancora vivi e vegeti. Prima di Billie Eilish, sono molte le star che si sono espresse in merito, perché vittime di body shaming: da Rihanna a Beyoncè, da Kate Winslet ad Adele, e molte altre. Not my responsibility è però uno degli attacchi più riusciti (e necessari) al body shaming per un paio di motivi molto semplici. 

Billie Eilish è sempre Billie Eilish 

Il primo motivo che rende Not my responsibility tanto necessario quanto efficace, è che a lanciarlo è Billie Eilish. Una cantautrice statunitense di soli 18 anni, che in poco tempo ha scalato le classifiche mondiali. Un enfant prodige la cui immagine è ugualmente fonte di discussione o ispirazione per milioni di persone, soprattuto per la generazione Z. 

L’ascesa di Billie Eilish (a qualche anno di distanza da Lady Gaga) decreta la fine del monopolio della bellone nello star system statunitense. La corsa verso canoni di bellezza irraggiungibili, inizia a rivelarsi per ciò che è: non necessaria e addirittura poco moderna.

Billie Eilish indossa tute extra-large e si tinge i capelli di verde, cantando «Don’t say thank you or please, I do what I want, when I’m wanting to, My soul? So cynical» mentre riunisce un gruppo di ragazzi su tricicli per farsi un giro. Nel vivere o nell’interpretare tutto questo a soli 18 anni, ci sono quel coraggio e quel sottile menefreghismo, di chi riesce a superare la paura della disapprovazione sociale, ma che (in fondo) non nasconde di soffrirne:   

Sento i tuoi sguardi, sempre, e nulla di ciò che faccio resta invisibile. Così mentre percepisco la tua disapprovazione o il tuo sospiro di sollievo, penso che se vivessi per loro non sarei in grado di muovermi. Vuoi che sia più piccola? Più debole, più morbida, più alta? Vuoi che stia zitta? Le mie spalle ti provocano oppure sono il mio petto, il mio stomaco, i miei fianchi?

View this post on Instagram

i must be missing something

A post shared by BILLIE EILISH (@billieeilish) on

Il video “Not my responsibility”

Il secondo motivo per cui il messaggio di Billie Eilish arriva così forte e chiaro risiede invece nella sua forma. Una dichiarazione ai giornalisti, sebbene rimbalzata milioni di volte, sarà difficilmente influente quanto un video. E il corto di Billie Eilish è tutto tranne che improvvisato. Sebbene il concept sia semplicissimo (una svestizione nel buio) la sua realizzazione è impeccabile e il messaggio ne esce potenziato. Billie si spoglia davanti ai propri haters per scomparire nel buio, mentre la sua voce fuori campo affonda:

Anche se non hai mai visto il mio corpo, lo giudichi e mi giudichi. Perché? Facciamo ipotesi sulle persone in base alle loro dimensioni, decidiamo chi sono e quanto valgono. Se mi copro di più, se mi svesto, chi decide chi sono io? Il mio valore si basa solo sulla tua percezione? Io non sono responsabile della tua opinione su di me.

Avevamo già visto l’artista al centro di video che spaccano lo schermo, irrequieti e provocatori: da Bud Guy diretto da Dave Mayers, a When The Party is over diretto da Carlos Lopez Estrada. 

Sull’onda di questi, Not my responsibility sa essere nel contempo minimalista e potente, raffinato e disturbante. Un video capace di parlare ai Milliennials e alla Generazione perchè adotta il loro linguaggio, fondamentalmente visivo. Un video perfettamente in stile Billie Eilish, il cui corpo, davanti a 5 Grammi e 44 premi di levatura internazionale già ricevuti, non può essere il principale oggetto della nostra discussione.

Copertina: frame tratto dal video Not my Responsibility | Source: Youtube

Nicole Chioccariello
Più nouvelle vague, meno nouvelle cuisine. Vivo a Padova, dove lavoro come videomaker e content creator.

Popolari

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

“Promising young woman”: il film che smaschera tutti i volti della rape culture

Vincitrice dell'Oscar per la migliore sceneggiatura originale, Emerald Fennell parla di un tema caldo e lo fa in modo non scontato.

“Un cazzo ebreo”, il libro più cringe e provocatorio del 2021

Non il solito libro sull'Olocausto: la portata civica del racconto di Katharina Volckmer per "La Nave di Teseo".

Guarda

00:51:07

Il cielo sopra Torino: intervista a Hiroshima Mon Amour

Per Ulai Talks raccontiamo il punto di vista dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dal fermo delle attività causa pandemia. Guarda l' intervista a Fabrizio Gargarone, direttore artistico di Hiroshima Mon Amour (Torino).
00:41:06

25 anni a tutto volume: la storia del New Age Club

I ricordi e le visioni future di Gabriele Vian, mente e cuore dello storico locale di Roncade (Treviso).
00:11:48

Ulai Talks: video-intervista agli Allen @Arcella Bella

Gli Allen, duo di producer e musicisti originari di Vicenza, protagonisti di una nuova puntata di Ulai Talks.

altro di ulai

“Crudelia” e la crudeltà di essere giudicata normale

Il nuovo film della Disney "Crudelia", interpretato da Emma Stone, è un inno all’anticonformismo punk nella Londra anni Settanta.

15 brani consigliati da 15 artisti per la Giornata Mondiale del Vento

Da consumarsi preferibilmente cantando a squarciagola in macchina.

Just Art, «anche l’anima va sfamata»: intervista allo street artist Sirante

La street art è creata per raccontare una storia, promuovere un'idea, illustrare una cultura,...

Solo gli artisti sopravvivono: Beatrice Migliorati e la fotografia come atto

La fotografia è un atto d'amore e come l'amore modifica il prima e il dopo: un podcast con l'artista visiva bresciana Beatrice Migliorati.

La cantante e designer lituana Popa ci racconta la sua Psicomagia

"Psicomagia" è il nuovo singolo della cantante lituana Popa: tra la leggerezza degli anni del boom e le crisi esisteziali post-pandemiche.

Intervista a Cecco e Cipo: da X Factor all’isola di Baffin parliamo d’amore

Irriverenti e romantici: Cecco e Cipo tornano con un nuovo singolo che parla d'amore e di una cartolina della Groenlandia.

Walkman #4 – My Girl Is Retro

In uscita con il nuovo singolo "Corallo", My Girl Is Retro compone per noi una playlist avvolgente e riflessiva, come la sua musica.

6 album freschi freschi da ascoltare questa settimana

Una selezione di uscite dal respiro internazionale che proprio non potete farvi scappare.

La filosofia del ramo: l’arte di Iside Calcagnile in un nuovo podcast

Dalla pittura all'installazione che si serve di elementi naturali, Iside Calcagnile ci racconta il suo essere artista e la sua ecosofia.